menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto: il presepe napoletano

In foto: il presepe napoletano

A Lecce il grande presepe napoletano: un regalo della Regione Campania

Un grande presepe di Vincenzo e Luciano Capuano, in stile Settecento napoletano, sarà visitabile nella chiesa di San Giovanni Battista. Dopo il 7 gennaio sarà collocato nel museo Castromediano

LECCE – Il quartiere 167 di Lecce ospiterà un magnifico presepe napoletano. L'opera è stata realizzata da Vincenzo e Luciano Capuano che tramandano la tradizione artigiana lunga ben quattro generazioni e che ha avuto orgine nel 1840 a Napoli, nel quartiere di San Gregorio Armeno, rinomato in tutto il mondo per le sue botteghe artistiche.

Il presepe ha grandi dimensioni: 230 centimentri per 90 centimetri di profondità, ed è alto 180 centimetri. Lo stile è quello del Settecento napoletano.

Grazie alla disponibilità di don Gerardo Ippolito, parroco di San Giovanni Battista, il presepe sarà visitabile per tutto il periodo natalizio (fino al 7 gennaio).

Dopo il 7 gennaio il presepe sarà collocato nel museo Castromediano, la cui collezione permanente ha sempre rivelato le strette tangenze tra la cultura artistica e artigianale del Salento con quella di Napoli, sin dal Seicento.

Anche la scelta di collocare il presepe in quella chiesa non è causale, perché la parrocchia rappresenta un luogo di accoglienza e anche di confronto con i linguaggi dell’arte contemporanea, essendo stata concepita da un architetto dei nostri giorni, Franco Purini, con l’ausilio di un grande maestro dell’arte italiana, Mimmo Paladino, autore del portale e degli arredi liturgici.

I fratelli Capuano stamattina durante il trasporto del presepe nella chiesa di San Giovanni a Lecce-2

“Il presepe è il simbolo per eccellenza del dialogo, della pluralità e della coesistenza delle diversità. Sono tutti valori a cui dobbiamo guardare, oggi più che mai – ha dichiarato Massimo Bray, assessore alla cultura della Regione Puglia -. Perciò sono molto grato alla Regione Campania per questo dono e a don Gerardo che lo custodirà nella sua parrocchia, una comunità che sta valorizzando le arti come strumento di integrazione e socialità”. 
 
Don Gerardo, parroco di San Giovanni Battista, ha spiegato che il presepe “è un regalo di Natale inaspettato, dimostra la grande capacità artistica e artigianale di una famiglia che da secoli concepisce con le proprie mani questa dimostrazione di bellezza e incanto, religiosità e umanità. Sono certo che sarà amato e rispettato anche dalla nostra comunità”.
 
“Il viaggio in Italia del presepio napoletano, progetto promosso dalla Regione Campania, inaugura un nuovo grand tour delle cose, ancor prima della mobilità delle persone”, ha concluso l’assessore alla Semplificazione amministrativa e al Turismo della Regione Campania, Felice Casucci.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento