rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
Attualità

Il generale Antonio De Vita a Lecce, speciale visita presso il comando provinciale

L'alto ufficiale generale ha avuto parole di particolare apprezzamento per l'operato svolto dai militati salentini, per i risultati conseguiti e per la quotidiana attività svolta a favore della cittadinanza

LECCE - Il generale di Corpo d’armata Antonio De Vita, comandante interregionale carabinieri “Ogaden” di Napoli, alle cui dipendenze ci sono le Legioni carabinieri del Sud Italia (Campania, Puglia, Basilicata, Abruzzo e Molise) ha visitato nella mattinata odierna il Comando provinciale carabinieri di Lecce.

Nella sede di via Lupiae, accolto dal comandante della Legione carabinieri “Puglia”, generale di Divisione Ubaldo Del Monaco, e dal comandante provinciale di Lecce, colonnello Donato D’Amato, ha incontrato una folta rappresentanza di carabinieri, di ogni ordine e grado, in servizio nella provincia di Lecce, sia dell’organizzazione territoriale, sia in quella speciale. Presente anche una componente delle delegazioni del consiglio di base e intermedio di rappresentanza e dell’Associazione nazionale carabinieri.

L’alto ufficiale generale ha rivolto sentite parole di ringraziamento ed espresso apprezzamento per i risultati conseguiti e per la quotidiana attività svolta a favore della cittadinanza nel territorio salentino, sottolineando che “a rendere l’Arma dei carabinieri così speciale è sicuramente la sua eterogeneità e la capacità di adattarsi ad ogni situazione”.

“I carabinieri sono infatti presenti sul territorio salentino in maniera capillare, dai grandi centri urbani fino alle piccole realtà. Sono in grado di affrontare una vasta gamma di compiti, dal controllo del territorio alla lotta alla criminalità organizzata, dalla protezione dell’ambiente all’ordine e sicurezza pubblica”, ha proseguito il generale.

La visita del generale De Vita

“Ma non è solo la presenza diffusa sul territorio a rendere l’Arma dei carabinieri eterogenea. I suoi componenti – ha aggiunto – provengono infatti da diverse realtà sociali ed economiche, e questo contribuisce a rendere l’istituzione ricca di esperienze e di competenze. Dai giovani carabinieri, agli ufficiali più anziani, ogni carabiniere porta con sé una storia personale e delle capacità uniche che contribuiscono a rendere l’Arma una delle forze di polizia più stimate al mondo”.

“In un’epoca in cui la diversità è sempre più apprezzata e valorizzata, l’Arma dei carabinieri rappresenta un esempio di come questa possa essere un punto di forza. Grazie alla sua eterogeneità, la Benemerita è in grado di affrontare le sfide del presente e del futuro in modo efficace ed efficiente. Consapevolezza, confronto e dialogo con i cittadini sono punti cardine per il perseguimento dell’eccellenza professionale e la risoluzione delle singole problematiche”, ha concluso il generale.

Prima di lasciare il Salento, De Vita ha visitato il Comando compagnia carabinieri di Campi Salentina dove ha rinnovato al personale dipendente parole di apprezzamento per l’incessante attività svolta e per i risultati ottenuti.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il generale Antonio De Vita a Lecce, speciale visita presso il comando provinciale

LeccePrima è in caricamento