rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
La storica kermesse / Leverano

Leverano in fiore, conferiti i premi per i concorsi principali. Stasera la chiusura

Per Artefloreando, dedicata ai fioristi stranieri, primo posto alla Polonia, secondo alla Croazia, terzo all'Estonia. Il sindaco Marcello Rolli ha ricordato la cultura del lavoro per contrastare mafia e illegalità

LEVERANO – Prosegue a passo spedito con concorsi, mostre ed eventi collaterali l’ormai storica manifestazione Leverano in Fiore, giunta alla 41esima edizione. Ieri sono stati conferiti i premi per i due principali concorsi, a partire da quello rivolto ai fioristi stranieri, giunti nel Salento da tanti Paesi del mondo. Cimentatisi nella competizione Arteflorando organizzata dalla Ivan Bergh floral school, con giuria, anche questa internazionale, presieduta dal greco Marios Valianos, sul primo posto del podio è salita la Polonia. A seguire, la Croazia e, terza classificata, l’Estonia.

Altra attesa competizione era quella dedicata ai vivaisti e ai floricoltori di Leverano, per il premio Leverano in Fiore. Per la categoria fioristi, sul podio, sono salite: Azienda agricola Dimastrogiovanni Riccardo, Greco Giancarlo, My Luciano, prima classificata con l’installazione dedicata a Rinascita e radici sotto la Torre federiciana; Albano Fiori e Azienda agricola Flavio Zecca, seconde classificate, ex aequo, con La rana sotto la torre dell’orologio; al terzo posto, infine, Azienda agricola Fiore Antonio con Il grande libro nei pressi della chiesa madre.

Leverano in Fiore, esplosione di creatività

Per la categoria vivaisti, invece, premiate, in ordine dal primo al terzo posto, le aziende: Carallo; Grow Energy De Trane Cosimo; D’Elia Simone ex aequo con Coviser i Giardini di Leverano.

Stasera si procederà invece alla premiazione del primo classificato nel concorso social organizzato dai giovani. Vincerà la scultura che ha totalizzato il maggior numero di clic sulla pagina ufficiale Facebook. 

447454381_956244859840429_739518072793972881_n-2

“Il concorso è di altissimo livello e porta a Leverano personalità di rilievo sia come fioristi che come giurati”, spiega Ivan Berghella della Ivan Bergh floral school. Particolare emozione e riflessione hanno destato alcune delle sculture come “la macina che richiama quell’olio lampante salentino che ha dato luce e calore o i tiraletti del tabacco”, spiega Annamaria Spedicato, direttrice artistica del festival. 

Grande emozione sul palco allestito nella cassa armonica in piazza Roma per il richiamo alla legalità e alla coesione del popolo leveranese nel dire no a ogni forma di infiltrazione mafiosa nel tessuto economico produttivo locale. “Siamo gente con le mani piene di fatica e di lavoro e in questo abbiamo investito e per questo siamo conosciuti”, spiega Sandro Leone, anima dell’evento sin dalla sua prima edizione. “I nostri figli, i nostri nipoti, si sono dimostrati all’altezza di questa scelta civile, coraggiosa e necessaria”.

Emozionato il sindaco di Leverano, Marcello Rolli, nel momento della donazione di un riconoscimento all’associazione Articolo 21, scesa per strada al suo fianco e al fianco dei floricoltori di Leverano quando, a novembre, si scoprì che uno di loro era stato vittima di estorsione. 

“La mafia, la criminalità, si combattono con il lavoro, la fatica e la cultura e queste sono le strade sulle quali la popolazione di Leverano si è sempre mossa, supportata dalle amministrazioni, passo dopo passo, con pazienza, costanza e schiena dritta. E la nostra piazza e le nostre strade piene di gente in questi giorni sono il riconoscimento evidente al nostro impegno”, le parole di Rolli.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Leverano in fiore, conferiti i premi per i concorsi principali. Stasera la chiusura

LeccePrima è in caricamento