rotate-mobile
Inserito nei percorsi delle Vie dell’Olio / Matino

Alla scoperta della Matino sotterranea: il frantoio ipogeo diventa “multimediale”

Domenica l’inaugurazione dei locali ipogei di via della Libertà restaurati dall’amministrazione comunale grazie ai fondi regionali del bando del Gal. Sarà un nuovo attrattore turistico e ospiterà anche incontri ed eventi

MATINO – Dall’acquisto da parte del Comune, datato 2018, alla sua definitiva riqualificazione e nuova vocazione “multimediale”. Dopo il completamento delle opere di recupero e rifunzionalizzazione, sarà inaugurato nella mattinata di domenica il frantoio ipogeo di via Libertà, nel cuore di Matino, pronto a diventare luogo di attrazione culturale e turistica e location per nuovi servizi interattivi per la comunità locale.

I locali sotterranei che ospitano l’antico frantoio sono stati completamente ristrutturati su input dell’amministrazione comunale nell’ambito del bando Psr Puglia 2014-2020-Gal “Il Capo di Leuca e le Serre salentine”.        

il frantoio si trova nella parte centrale dell’abitato di Matino, e più precisamente sotto parte della sede comunale, accanto a Porta Carrese. Per le sue caratteristiche la struttura ipogea rappresenterà un punto di notevole attrazione turistica nonché punto di partenza di un percorso che, partendo proprio da quest’ultimo, si snoderà verso gli altri due frantoi ipogei di via Carlo Alberto, (anche per questo l’acquisto sarà formalizzato a breve), ed altri nei paesi limitrofi, attraverso la cosiddetta Via dell’olio: Vernole, Calimera, Martano, Sternatia, Gallipoli, per raggiungere il capoluogo salentino, procurando significativi ritorni di carattere turistico e di interesse socioculturale.

I locali del frantoio multimediale

“Il recupero e la valorizzazione del nostro patrimonio culturale, unitamente alla sua fruizione da parte della comunità, rappresenta una tappa fondamentale della nostra azione amministrativa” commenta il sindaco Giorgio Salvatore Toma, “azione che è orientata a coniugare la nostra storia e le nostre tradizioni con una visione ed un’aspettativa moderna della società. Il simbolo di questa unione è proprio il frantoio ipogeo che inauguriamo domenica, antico manufatto custode del nostro passato e allo stesso tempo contenitore multimediale e punto di riferimento per una nuova e più moderna visione turistica”.

In occasione dell’inaugurazione dei locali, adibiti per ospitare incontri ed eventi, e dei manufatti restaurati , inoltre, sarà consegnato all’associazione della Pro loco “Sant’Ermete”, nella persona del suo presidente Fernando Vitali, un calessino, con il quale verrà svolto un servizio di trasporto nel centro storico sulla scia di comuni a grande vocazione turistica.

Previste anche delle visite guidate della Matino sotterranea curate dagli studenti, e apprendisti ciceroni, dell’istituto comprensivo cittadino. E in un frantoio ipogeo che si rispetti non mancherà una degustazione di olio extravergine d’oliva.

La cerimonia inaugurale è prevista per domenica, 7 aprile, alle 10 in via Libertà. Ad aprire l’evento i saluti istituzionali del sindaco Toma e del presidente del Gal-Capo di Leuca, Antonio Ciriolo, cui seguiranno quelli del capodelegazione del Fai-Salento Jonico, Virgilio Provenzano, e della dirigente dell’Istituto comprensivo di Matino, Veronica Laterza. Seguiranno gli interventi dell’architetto Carlo Castrioto, direttore dei lavori di recupero e conservazione del frantoio e del restauratore di beni culturali, Ludovico Accogli.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Locandina-76

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla scoperta della Matino sotterranea: il frantoio ipogeo diventa “multimediale”

LeccePrima è in caricamento