menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid-19: medici sentinella già attivi per scovare circolazione sospetta

Il loro compito è quello di segnalare i casi febbrili di origine non chiara, contribuendo così a scongiurare focolai. Bollettino epidemiologico regionale: 2.661 test registrati, non ci sono esiti positivi

LECCE – Come accade da molto tempo per monitorare l’andamento dei virus influenzali, anche per il nuovo coronavirus è stata attivata la sorveglianza sentinella: si tratta di pediatri di libera scelta e medici di medicina generale che hanno il compito di segnalare gli episodi febbrili, con causa non diagnosticata, dei quali vengono interessati dai loro pazienti.

Il meccanismo su cui si basa la sorveglianza è semplice e Pier Luigi Lopalco, responsabile epidemiologico per la Puglia, lo ha spiegato in un posto: un picco febbrile, tanto più in periodi non consueti per i virus stagionali, potrebbe corrispondere a una circolazione sospetta del Covid-19. “Più che prevedere il futuro, nel controllo di una epidemia è importante accorgersi per tempo di quello che sta succedendo sul territorio. Se avessimo potuto sapere a dicembre che il virus era già arrivato in Italia, l'ondata pandemica avrebbe avuto tutto un altro aspetto e forse avremmo potuto evitare il lock-down. È quello che serve ora per evitare una seconda ondata: sorvegliare attentamente il territorio”.

I professionisti che partecipano al progetto di sorveglianza sono al momento un centinaio, ma presto saranno il doppio, sparsi su tutto il territorio regionale. Lopalco si è mostrato, infine, moderatamente fiducioso sugli scenari del prossimo futuro: “Osserviamo l'orizzonte, sperando che sia sempre sereno. Grazie ai colleghi sentinelle e a Cinzia Germinario che dirige l'Osservatorio Epidemiologico Regionale e permette di sorvegliare virus e batteri in Puglia”.

Il bollettino: non ci sono nuovi positivi

Per quanto riguarda il bollettino regionale, non si registrano esiti positivi: sono stati 2.661 i test registrati. Nessun incremento, per fortuna, nemmeno per quanto concerne i decessi. Il numero dei casi attivi di Covid-19 resta ancorato al dato di ieri, pari a 68. I pazienti ricoverati in ospedale sono ancora dieci, 58 le persone in isolamento domiciliare obbligatorio.

Leggi il report del 16 luglio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Tregua domenicale, 584 i casi positivi. Lopalco "sfiduciato" dalla Lega

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Sicurezza

    Il vapore: ecco come pulire la casa

  • Sicurezza

    Odori in cucina, ecco come eliminarli in modo naturale

  • Economia

    "Il nostro lavoro non è un gioco": la protesta di acconciatori ed estetisti

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento