rotate-mobile
Strada falcidiata da gravi incidenti / Nardò

Nardò-Avetrana, messa in sicurezza. C’è lo studio di fattibilità: progetto da 76 milioni

Dopo le sollecitazioni e l’interlocuzione con ministero e Comune di Nardò, la Provincia di Lecce ha realizzato lo studio per i lavori di riqualificazione della provinciale 359. Passo decisivo la consegna nelle mani del dicastero di Salvini

NARDO’ – Le sollecitazioni per la messa in sicurezza, anche alla luce dei recenti incidenti con gravi conseguenze, sono arrivati da più parti. E ora, dopo anni di attese, l’intenso sforzo profuso anche dal Comune di Nardò e dalla Provincia di Lecce in riferimento agli interventi sulla strada provinciale 359, la Nardò-Avetrana, segna un primo, e importante, risultato.

L’ente di Palazzo dei Celestini, infatti, ha realizzato attraverso i suoi uffici tecnici uno studio di fattibilità dei lavori di riqualificazione e messa in sicurezza dell’arteria stradale, costantemente al centro delle cronache per sinistri mortali. L’insieme degli interventi per rendere più moderna e sicura la provinciale che unisce sul versante ionico le province di Lecce e Taranto ha un costo stimato di circa 76 milioni di euro.

Ad aprile scorso, nel corso di un incontro a Roma, accompagnato dal senatore della Lega, del collegio, Roberto Marti, il sindaco neretino Pippi Mellone aveva incassato la disponibilità del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Matteo Salvini, ad inserire questa tra le opere strategiche per il Mezzogiorno e quindi a finanziarla, previo esaurimento ovviamente dell’iter progettuale e di altri, necessari, passaggi formali.

Un iter complessivo che il primo cittadino ha avuto modo di discutere e mettere a fuoco in queste ultime settimane con il presidente della Provincia, Stefano Minerva, che a sua volta ha preso e mantenuto l’impegno di far redigere uno studio di fattibilità, che adesso dovrà finire necessariamente nelle mani del ministro Salvini e degli uffici del ministero.

In prima linea in questo percorso i due consiglieri comunali, Ettore Tollemeto e Gabriele Mangione, che sono anche consiglieri della Provincia di Lecce con deleghe, rispettivamente, ai Trasporti e alle Politiche di valorizzazione del litorale ionico e alla pianificazione territoriale.

“Questo è un primo risultato, molto concreto, su una questione cruciale per la dorsale ionica del Salento, che è la messa in sicurezza della pericolosissima strada provinciale 359” commentano Tollemeto e Mangione, “grazie alla disponibilità di massima manifestata dal ministro Salvini al sindaco Mellone ad aprile scorso, grazie agli accordi tra quest’ultimo e il presidente Minerva e, infine, grazie alla Provincia di Lecce che ha fatto redigere questo studio di fattibilità, possiamo dire di aver messo la pietra angolare della nuova Nardò-Avetrana, che dovrà necessariamente diventare più moderna e sicura”.

“In questi mesi abbiamo seguito tutti i passaggi e favorito le varie interlocuzioni tra i soggetti e gli enti coinvolti, così da giungere in tempi ragionevolmente brevi a questo primo traguardo” spiegano ancora i due consiglieri, “così come stiamo facendo da molto tempo su un’altra questione cruciale per la nostra città, come la circonvallazione. Ora attendiamo che il sindaco Mellone faccia un altro sforzo decisivo, portando lo studio di fattibilità al ministero, incassando il via libera per il finanziamento e di conseguenza avviando la progettazione. Quello che è certo è che adesso la sorte di questa strada è al centro dell’agenda politica nazionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nardò-Avetrana, messa in sicurezza. C’è lo studio di fattibilità: progetto da 76 milioni

LeccePrima è in caricamento