Attualità

Moda e spettacolo per solidarietà, un galà per l'Utin del "Panico" di Tricase

Ampio successo per la manifestazione svoltasi ieri sera. E c'è ancora tempo per donare all'Unità di terapia intensiva neonatale

“La bontà è l’unico investimento che non fallisce mai”. E’ stato questo il motto sotto il quale, nell’incantevole cornice di un Convitto Palmieri di recente riportato a nuova vita, ieri sera, a Lecce, ha preso forma il “Gran Galà di beneficenza – Time per Tin”. Un momento di magia, con un nobile obiettivo.  

L’evento, infatti, è stato ideato in favore dell’Unità di terapia intensiva neonatale dell’ospedale “Cardinal Panico di Tricase”. Grazie al galà, sono stati raccolti fondi per fornire un contributo concreto al lavoro dei medici dell’Utin di Tricase. La loro è un’opera fondamentale. Spesso, rappresenta realmente l’unica speranza di vita, per i neonati immaturi.

Filo conduttore della serata è stata, dunque, la “vita”, e non vi hanno partecipato solo operatori, hostess, parrucchieri, make-up artisti e cuochi locali, ma anche aziende baresi e persino una iraniana. In tanti, dunque, anche oltre i confini locali, hanno voluto abbracciare quest’idea che ha raccolto peraltro il consenso dell’assessorato all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia. Proprio la Regione, tramite il polo biblio-museale di Lecce, ha concesso gli spazi del Convitto Palmieri, usati per la prima volta in un contesto che ha unito varie espressioni artistiche, fondendole nello spirito solidale.

2-43-13

Clou della serata, la sfilata dello stylist leccese Antonio Tarantino, preceduta e seguita da altre esibizioni di musica e danza. E, ovviamente, essendo il 25 novembre la giornata dedicata alla lotta contro la violenza di genere, non è mancato un momento di sensibilizzazione sul tema.

Il tutto è stato accompagnato da specialità culinarie d’ogni genere, fra cui l’asian food, sempre più apprezzato da un vasto pubblico, e, ancora, bevande, sigari, rum e tanto altro ancora. Frutto del lavoro di quanti hanno voluto partecipare a costo zero alla perfetta riuscita dell’evento (al termine del video, la lista completa di quanti hanno collaborato,  Ndr).

Video: moda e danza, l'arte in campo per beneficenza 

Neanche la pioggia ha frenato gli oltre duecento ospiti della serata, organizzata sezione Dedalo di Lecce–Galatina dell’Anua (Associazione nazionale ufficiali aeronautica), con il patrocinio del Comune di Lecce, e per la direzione artistica di Franz D’Aversa (event planner), Cristina Massaro (giornalista e regista) e Annalisa De Luca (visual designer). Per quanti hanno assistito al galà, è stato anche un modo per riscoprire – se non proprio apprezzare per la prima volta – gli interni di un edificio dalla lunga storia, nato nel medioevo per ospitare un convento e poi più volte trasformato nei secoli, fino ad assumere la fisionomia attuale. L’ampio vestibolo, le stanze circostanti, e quelle del piano superiore, una visione  che da sola ha rappresentato una sorta di spettacolo nello spettacolo.  

L’assessore regionale Loredana Capone, presente fra gli ospiti, nel corso della serata, ha menzionato proprio la perfetta unione fra gli storici ambienti del Convitto Palmieri, con l’arte, la cultura e la bellezza del corpo, all’insegna di un obiettivo finale: la solidarietà. “Arte e bellezza – ha detto, in un breve intervento - si devono incontrare, anche con questo senso civico”.

3-8-28

Per una donazione

Per quanti volessero contribuire, c’è ancora tempo per una donazione libera. Infatti, fino alla consegna dei fondi, che avverrà a metà dicembre, si potrà sostenere l’Utin con offerte da versare facendo riferimento al seguente Iban: IT61N0306234210000001954372. Causale: “Donazione per “TIN” , reparto terapia intensiva neonatale ospedale G. Panico Tricase”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moda e spettacolo per solidarietà, un galà per l'Utin del "Panico" di Tricase

LeccePrima è in caricamento