rotate-mobile
Attualità

Morte cerebrale di una 66enne, i familiari donano gli organi

L’operazione si è conclusa questa mattina nell'ospedale “Vito Fazzi” di Lecce e ha riguardato una donna di ricoverata nel reparto di Anestesia e Rianimazione per aneurisma della carotide

LECCE - Per lei non c’era più nulla da fare: i medici avevano accertato la morte encefalica. Ma, in qualche modo, continuerà a vivere, dando ad altri la vita, perché i familiari hanno dato il consenso alla donazione degli organi.

L’operazione si è conclusa proprio questa mattina nell'ospedale “Vito Fazzi” di Lecce e ha riguardato una donna di 66anni ricoverata nel reparto di Anestesia e Rianimazione per aneurisma della carotide.

Dopo la decisione dei parenti della paziente, sono state avviate le procedure di valutazione di idoneità e il prelievo di reni, fegato e cornee che ha impegnato gli operatori del reparto di Anestesia e Rianimazione, diretto dal medico Giuseppe Pulito, coadiuvati da oculisti, anatomopatologi, urologi, nefrologi, infermieri di sala operatoria e dalla direzione sanitaria del presidio ospedaliero.

A darne notizia è stata la stessa azienda sanitaria in una nota con la quale, la direzione generale ha ringraziato tutti gli operatori che hanno reso possibile un intervento così complesso, esprimendo cordoglio ai familiari che in un momento di grande dolore hanno deciso, con sensibilità e umanità, di donare la possibilità di vita ad altre persone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte cerebrale di una 66enne, i familiari donano gli organi

LeccePrima è in caricamento