rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Attualità Stadio / Via Ragusa

Il murales di Van Der Sluijs nel quartiere Stadio: "Valorizzare la periferia"

L'opera dell'artista olandese si trova in via Ragusa ed è nata nell'ambito del progetto HollAndMe. L'assessore Miglietta: "Un ringraziamento al laboratorio 167/B street e alla parrocchia San Giovanni Battista"

LECCE – Un'altra opera di street art, nel quartiere Stadio, per rilanciare le periferie urbane attraverso l'espressione artistica. Si tratta di un murales realizzato con tecnica mista (pittura, acrilico e spray) dall'olandese Collin Van Der Sluijs.

L'opera si chiama "Rise - In the meaning of stand tall, work together and unite” ed ha una forte impronta naturalista: l'artista ha infatti scelto il pettirosso come elemento iconografico da riprodurre.

Il murales è parte di un interessante e innovativo progetto di arte urbana, HollAndMe, dutch street art in six italian cities, promosso dall'ambasciata e dal Consolato generale dei Paesi Bassi,  in collaborazione con Inward, osservatorio nazionale sulla creatività urbana e in collaborazione con alcune Acu, associazioni per la creatività urbana.

La decisione di lavorare con Collin Van Der Sluijs, presa dal laboratorio 167/B Street, è parte di un percorso costruito nel tempo: nel 2020, infatti, l’associazione culturale è stata la vincitrice del bando “Street art, artisti italiani e neerlandesi lanciano un messaggio insieme”, promosso e ideato dall’ambasciata del Regno dei Paesi Bassi e dal Consolato generale di Milano. Il progetto ARTogether che ne è scaturito ha così visto nascere il grande intervento di via Ragusa a Lecce, qui realizzato dal rinomato duo artistico neerlandese Karski&Beyond.

colin va der sluijs-2L'assessore al Welfare Silvia Miglietta ha ringraziato il laboratorio 167/B street per aver “innescato questo processo che ha portato dei risultati straordinari non solo in termini artistici ma soprattutto di partecipazione, perché dietro ogni murales ci sono tanti protagonisti e sono protagonisti che vivono il quartiere”.

“L'entusiamo e il generoso lavoro della parrocchia San Giovanni Battista, retta da don Gerardo, fulcro di questi processi, fa in modo che ogni opera d'arte non sia solo un'opera ma un'esperienza finalizzata a creare legami tra le persone del quartiere, generando entusiasmo, senso di appartenenza e legittimo orgoglio di appartenenza”, ha aggiunto Miglietta.

L’opera è infatti situata all’interno di un quartiere che, negli ultimi anni, è diventato protagonista di un importante processo di rigenerazione urbana.

Nel 2017, infatti, grazie ad un’intesa nata dal basso fra il laboratorio 167 B Street, la parrocchia San Giovanni Battista e Arca Sud Salento, sono stati realizzati 10 monumentali murales su altrettante facciate di palazzi, oltre a numerosi interventi artistici più piccoli, assieme a incontri, conferenze, laboratori, mostre e presentazioni.

“Con HollAndMe portiamo avanti un percorso dedicato all’arte urbana che ha avuto inizio l’anno scorso – ha aggiunto Bas Ernst dell’Ambasciata dei Paesi Bassi a Roma -. Siamo felici di poter collaborare di nuovo con 167/B Street per portare a Lecce il lavoro di un altro importantissimo nome dell’arte urbana olandese, Collin van der Sluijs. Lecce si riconferma come città che abbraccia la street art. Speriamo che queste opere possano contribuire a creare dei quartieri più belli e vivibili”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il murales di Van Der Sluijs nel quartiere Stadio: "Valorizzare la periferia"

LeccePrima è in caricamento