rotate-mobile
Terza edizione nella marina

La musica accarezza San Cataldo: sul far del giorno il concerto con Annalisa

Il concerto, iniziato alle 4.40, è durato circa due ore. Il sindaco Salvemini soddisfatto per l'organizzazione a supporto di “Alba locomotive”: in tanti hanno utilizzato i mezzi pubblici per raggiungere il palco allestito sulla spiaggia libera

SAN CATALDO – Con un concerto di circa due ore si è concluso sulla spiaggia libera di San Cataldo il Locomotive Jazz Festival, manifestazione nata nel 2006 a Sogliano Cavour per iniziativa di Raffaele Casarano. Il tema scelto per questa 18esima edizione era il tempo, inteso come motore che produce ricchezza e che si trasforma in esperienza da custodire.

Davanti a un pubblico molto numeroso accorso sull’arenile della marina leccese nonostante l’orario proibitivo (lo spettacolo è iniziato alle 4.40), Casarano si è esibito con Annalisa, il cui “Disco Paradise” (con Fedez e Articolo 31) è già disco di platino. Ad accompagnare il direttore artistico della manifestazione e l'artista ligure c’erano Mirko Signorile al piano; Giorgio Vendola al basso e contrabbasso; Maurizio dei Lazzaretti alla batteria e Alessandro Montenduro alle percussioni.

L’ospite dell’evento si è dimostrata entusiasta di cantare in una situazione così particolare: “È una figata pazzesca, per me, esibirmi in questo luogo magico e ricco di energie buone e ringrazio Raffaele perché per me è la prima volta in un location così unica e speciale”.

Casarano ha poi commentato l’andamento complessivo del festival: “È stata un’edizione fantastica, resa unica dalla presenza di tanti amici, musicisti e cantanti dal talento eccezionale. La musica è un linguaggio universale e in questi giorni ci siamo davvero espressi in tutte le lingue del mondo assimilando i generi musicali dei nostri ospiti ma soprattutto rafforzando il legame con il pubblico. La musica fa viaggiare, unisce, ci fa sentire liberi ma soprattutto ha il potere di spingerci oltre, di farci osservare il mondo che ci circonda con curiosità nuova. Spero, con questa edizione del Locomotive Jazz Festival, di aver stimolato la creatività, di aver favorito la diffusione di nuovi pensieri e di aver fatto provare nuove emozioni. Io stesso ho scoperto qualcosa di nuovo che è già diventato bagaglio della mia vita, e non solo di quella professionale”.

annalisa

Da sottolineare che una parte degli spettatori ha utilizzato i mezzi del trasporto pubblico che hanno collegato la marina a via Costa e ai parcheggi di interscambio di Settelacquare e del mercato bisettimanale sin dalle 21. Al termine del concerto i bus sono ripartiti alla volta del capoluogo e sono iniziate le operazioni di pulizia della spiaggia e delle strade: “Chi si sta recando al mare in questo momento - ha scritto il sindaco, Carlo Salvemini, in un post -, troverà l’arenile completamente ripulito. Cosi come chi abita, villeggia e frequenta San Cataldo vedrà cestini gettacarte svuotati e strade spazzate. Per tutto questo ringrazio l’efficiente e tempestivo lavoro del Settore Ambiente e di Monteco. Ma anche il grande rispetto per la spiaggia e la marina dimostrato dal pubblico. Dalla capacità di restituire i luoghi alla loro quotidianità nel più breve tempo possibile si misura la nostra maturità di organizzare e ospitare iniziative complesse”.

area concerto pulita

Soddisfazione emerge anche nelle dichiarazioni degli assessori che si sono occupati direttamente di alcuni aspetti dell'evento: “Quest’alba speciale nella nostra San Cataldo la immaginavamo e la volevamo esattamente così, bellissima - ha commentato Paolo Foresio, che ha la delega allo Spettacolo, al Turismo, alle Attiivtà Produttive. Ci abbiamo lavorato tanto, tutti insieme e la macchina possiamo dire che oramai è super collaudata. Quest’anno abbiamo voluto anticipare l’inizio della serata, organizzando in collaborazione con i locali serali, che hanno aderito e che ringrazio, attività di intrattenimento musicale e non solo con l’obiettivo di far arrivare prima le persone ed animare già dalla sera la marina. Devo dire che è stato un esperimento che è andato molto bene, sicuramente da rifare”.

“I bus pieni in arrivo e in partenza dalla marina – ha rimarcato l’assessore alla Mobilità sostenibile, Marco De Matteis – fin dalla serata di lunedì e per tutta la notte, in attesa dei dati definitivi di Sgm, testimoniano che tante persone sono ormai abituate a usare i mezzi pubblici per raggiungere San Cataldo. La linea S16, che per il Locomotive è stata implementata con il passaggio da Settelacquare e Mercato Bisettimanale, è usata ogni giorno da leccesi e turisti per raggiungere la marina. È una abitudine che si sta radicando e che ha garantito anche la scorsa notte risultati importanti. Buono anche l’utilizzo dei parcheggi gratuiti di interscambio da parte di chi veniva da fuori città”.

Per Angela Valli anche dal punto di vista della sostenibilità ambientale, l'evento è riuscito molto bene: “Grazie al lavoro tempestivo ed efficiente del Settore Ambiente insieme a Cento18Ambiente e a Monteco siamo stati in grado di restituire la spiaggia libera alla pubblica fruizione dei bagnanti e le strade pulite a chi abita e villeggia nella marina già nelle prime ore della mattinata. Le operazioni di pulizia sono partite subito dopo la conclusione del concerto e si sono concluse nei tempi previsti. Un plauso particolare agli organizzatori e agli informatori di Ecofesta che hanno sensibilizzato al rispetto della spiaggia e alla corretta differenziata sia nel pre-serata con i live nei locali sia durante il concerto. Per esserci state migliaia di persone, l’area del concerto e le strade circostanti erano in buono stato a riprova che l’attenzione anche dei cittadini verso l’ambiente sta crescendo”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La musica accarezza San Cataldo: sul far del giorno il concerto con Annalisa

LeccePrima è in caricamento