rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
La filodiffusione sino alle 24 / Porto Cesareo

Musica in bar e trattorie sino all’1,30: ordinanza estiva anche a Porto Cesareo

Sottoscritta ieri dal sindaco per disciplinare l’attività di intrattenimento e piano bar nei locali concessa solo nel fine settimana. Il limite orario ridotto sino all’1 all’esterno, ma nella settimana di Ferragosto l’attività autorizzata tutti i giorni

PORTO CESAREO - Viene regolamentata dalla nuova ordinanza firmata dal sindaco Silvia Tarantino, l’attività di musica, intrattenimento danzante e piano-bar nei locali, bar, trattorie e ristoranti per i quali, nell’ambito della concertazione ormai in atto su tutto il territorio provinciale, sono stati fisstai anche i muovi limiti d’orario entro i quali bisogna cessare gli spettacoli.      

Il provvedimento comunale dispone che gli intrattenimenti musicali organizzati dai pubblici esercizi allo scopo di attirare la clientela (piano bar, concertino, diffusione musica dal vivo, cabaret) che si svolgono all'interno degli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande e nelle strutture assimilate, sono consentite nelle giornate di venerdì sabato e domenica sino all’1.30.

All'esterno degli esercizi pubblici invece, nelle aree concesse per l’occupazione del suolo pubblico, sono consentite sempre nelle stesse giornate di venerdì, sabato e domenica, ma con limite orario fissato sino all’1 di notte.

Tali disposizione vede esclusa la settimana di Ferragosto (dal 10 al 16 agosto) dove il limite orario rimane sempre sino all’1 di notte, ma gli spettacoli possono svolgersi tutti i giorni e non solo nel fine settimana. Negli stessi locali di somministrazione dotati di autorizzazione è consentita la musica di filodiffusione, tutti i giorni, sino alle 24. Non è rilasciata autorizzazione per trattenimenti musicali su tratto di territorio comunale dopo l’1,30.

I titolari dei pubblici esercizi, non in possesso dell'autorizzazione per grandi intrattenimenti musicali o filodiffusione possono effettuare all'interno e all'esterno dei locali, piccoli trattenimenti tutti i giorni della settimana sino alle 24, previa presentazione di una Scia, allegando la documentazione richiesta e nel rispetto dell'oggettiva capienza del locale (non superiore a 200 persone), dell'impianto o dell'area disponibile.

L'attività musicale, dispone sempre l’ordinanza, deve sempre essere sospesa dalle 14 alle 16,30. Diversa invece la disciplina  delle attività autorizzate quali sale da ballo e discoteche, poste negli spazi al chiuso e all'aperto, per le quali vale la regolamentazione specifica  che prevede che tali attività possono essere effettuate dalle 19,30 alle 4 del mattino.

Le attività autorizzate nei luoghi all'aperto, ovvero luoghi ubicati in delimitati spazi all'aperto attrezzati con impianti appositamente destinati a spettacoli o intrattenimenti e con le strutture apposite per lo stazionamento, possono essere effettuate dalle 19,30 alle 3. Solo allo scopo di consentire l'evacuazione del pubblico, è concessa un'ora di comporto sull'orario di chiusura fissato.

I locali di pubblico spettacolo come stabilito nei protocolli di sicurezza e dalla Carta della Notte devono sempre dotarsi di defibrillatori e di personale idoneo al corretto utilizzo, al fine di fronteggiare eventuali esigenze di primo intervento. I titolari dei locali si impegnano altresì a vigilare affinchè le consumazioni di bevande alcoliche e super alcoliche avvengano esclusivamente all'interno del locale con conseguente divieto per gli avventori di portarne all'esterno i contenitori (bottiglie, bicchieri di vetro).

In tutti i casi l’ordinanza richiama le norme generali per le attività di intrattenimento musicale effettuate nei pubblici esercizi e nei locali di pubblico spettacolo e di intrattenimento, devono svolgersi negli spazi al chiuso ed all'aperto senza superare i limiti massimi di esposizione al rumore in ambiente interno, in ambiente esterno ed abitativo previsti della normativa vigente in materia di inquinamento acustico. Dove necessario, dovranno essere eseguiti idonei lavori di insonorizzazione.

L’ordinanza, sottoscritta ieri, è già in vigore e per i titolari dei locali che non osserveranno gli orari e le prescrizioni sono previste sanzioni di un minimo di 25 e sino a 500 euro. In caso di reiterate violazioni sarà disposta la comunicazione di inosservanza al questore al fine dell'applicazione della misura della sospensione dell'attività per 15 giorni in base alle norme del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

L’ordinanza prevede anche che il sindaco potrà concedere deroghe orarie alle disposizioni in vigore per manifestazioni pubbliche di forte richiamo organizzate dall'amministrazione comunale o con il suo patrocinio, ovvero per trattenimenti musicali effettuati presso gli esercizi pubblici che necessitano di un prolungamento degli eventi.

Leggi L'Ordinanza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musica in bar e trattorie sino all’1,30: ordinanza estiva anche a Porto Cesareo

LeccePrima è in caricamento