Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità

Torna Narin Camp sulla cittadinanza attiva: il ventennale dei fatti di Genova al centro

Il progetto curato dall’associazione Terra del Fuoco-Mediterranea, che da anni opera sul territorio pugliese promuovendo azioni di sensibilizzazione sulla cittadinanza attiva e sui temi della memoria

Una precedente edizione.

LECCE - Torna anche quest’anno, a Lecce, il progetto “Narin camp” curato dall’associazione Terra del Fuoco-Mediterranea, che da anni opera sul territorio pugliese promuovendo azioni di sensibilizzazione sui diritti umani, sulla cittadinanza attiva e sui temi della memoria, in partenariato stabile con l’associazione Nazionale treno della memoria.

Il progetto nasce dalla volontà dell’associazione di avviare un momento di confronto e di partecipazione che alimenti il protagonismo dei più giovani. Anche quest’anno, il “Narin Camp” assumerà una forma ibrida: per metà summer-camp rivolto a giovani under35 con attività laboratoriali pomeridiane e per metà festival con incontri serali pubblici aperti alla cittadinanza.

Il ventennale dai fatti di Genova al centro: si confronteranno sull’emersione di movimenti neofascisti in Italia e sul rapporto tra questi e le periferie urbane, discutendo di recenti notizie di cronaca sui temi dei diritti dei detenuti, e della tossicodipendenza. Ad accompagnare i presenti nelle diverse giornate, ci saranno attivisti, giornalisti, professionisti impegnati sul tema dei diritti umani.

La prima giornata del progetto, prevista alle 19 di oggi, vedrà inoltre l’inaugurazione, negli spazi dell’Ex Convitto Palmieri di Lecce, della mostra #èquestoilfiore, realizzata nel mese di aprile in collaborazione con l’associazione Treno della Memoria e il Consiglio Regionale di Puglia e già ospitata presso la sede barese del Consiglio. All’inaugurazione prenderanno parte la Presidente del Consiglio regionale, Loredana Capone; le associazioni promotrici e gli illustratori/le illustratrici che  hanno realizzato le tavole del progetto. L’esposizione resterà negli spazi del convitto Palmieri di lecce per tutto il mese di agosto, a ricordare l’impegno delle istituzioni per promuovere una cultura di pace e una politica di avanzamento nelle tutele dei più deboli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna Narin Camp sulla cittadinanza attiva: il ventennale dei fatti di Genova al centro

LeccePrima è in caricamento