rotate-mobile
Attualità

Nasce l’associazione “Squinzano in festa” per le due feste più sentite

Presto due ricorrenze di particolare importanza per la comunità di Squinzano torneranno a splendere di antichi fasti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

SQUINZANO - Si tratta della Festa dell’Annunziata, che viene celebrata ogni 25 marzo, ricorrenza di apertura della primavera, durante la quale si svolge una fiera che sfiora i duecento anni, e della festa patronale intitolata a San Nicola di Myra che si svolge il 6 dicembre.

Dopo il blocco delle feste patronali per la pandemia, un gruppo di motivati volontari si costituisce in associazione, che prenderà il nome di “Squinzano in festa”, domani 25 marzo alle 18. Il luogo non è casuale, è proprio il Santuario dell’Annunziata a Squinzano, un luogo di culto particolare e significativo per la cittadina leccese. La scelta del Santuario rispetta il legame degli squinzanesi con la Madonna Annunziata e ai riti ad essa connessi, come i fuochi diurni e la fiera istituita da Ferdinando II delle Due Sicilie nel 1833. La Chiesa fu eretta nel 1627 per devozione di Maria Manca, morta in odore di santità nel 1668, a cui era apparsa la Vergine. Perfino Frà Giuseppe da Copertino sostò al Santuario per celebrare una messa, durante la quale ebbe una delle sue estasi. Per accogliere i pellegrini fu via via ampliato fino ad assumere la bellissima struttura attuale.

La presidenza dell’associazione e la direzione artistica delle feste è affidata a Graziano Cennamo, presidente di PugliArmonica, associazione culturale impegnata già da anni a livello regionale per il rilancio e la custodia delle tradizioni. Graziano Cennamo, dopo aver acquisito competenze e professionalità, torna proprio nel suo paese natale per mettere a disposizione dei suoi concittadini tutta la sua esperienza.

La nuova associazione avrà la forma strutturata di un comitato feste, senza scopo di lucro e con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, e si affiancherà alle realtà che per anni hanno lavorato per la realizzazione delle due festività, la confraternita SS. Annunziata e il Circolo San Nicola, per ridare luce e vigore alla macchina organizzativa che si era arenata non soltanto a causa della pandemia. È aperta a quanti vorranno impegnarsi e contribuire al rilancio delle feste. Membri fondatori sono, oltre Cennamo, Angelo Musarò, Alessio Corianò, Fernando Tardio, Armando Rampino e Antonio Perrotta. Squinzano è il paese in cui trovano posto due realtà legate alla tradizione delle feste patronali importantissime, le luminarie Perrotta e la Banda di Squinzano, che saranno protagoniste della costituzione dell’associazione venerdì 25. Dopo la messa delle 17 al Santuario, presieduta da Mons. Luigi Pezzuto, vescovo emerito, alle 18 alla presenza del parroco Don Alessandro Scevola si costituirà ufficialmente la nuova associazione che si metterà subito al lavoro per programmare San Nicola di Myra a dicembre 2022, la festa patronale istituita nel 1763, e la Festa dell’Annunziata per il 25 marzo 2023.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce l’associazione “Squinzano in festa” per le due feste più sentite

LeccePrima è in caricamento