rotate-mobile
Attualità

Green pass rafforzato, controlli serrati e appello al buonsenso dei cittadini

Il prefetto Maria Rosa Trio, dopo il Comitato per l'ordine e la sicurezza, ha annunciato una stretta sulle verifiche, dal 6 dicembre e per tutto il periodo previsto dall'ultimo decreto. Attenzione speciale per bar, ristoranti, cinema, discoteche

LECCE - Dal 6 dicembre i controlli per verificare il rispetto del decreto che ha introdotto il green pass rafforzato saranno costanti, seppur a campione. Attenzione speciale, dunque, per bar, ristoranti, cinema, discoteche, eventi sportivi, insomma per tutti quei locali e luoghi aperti al pubblico che rientrano nel raggio d'azione dell'ultimo provvedimento del governo. 

Dopo aver incontrato i vertici provinciali di polizia, carabinieri e guardia di finanza nell'odierno Comitato per l'ordine e la sicurezza, il prefetto, Maria Rosa Trio, ha annunciato la necessaria stretta il cui obiettivo, ha spiegato, è quello di garantire un periodo festivo in condizioni di sostanziale normalità e il bilanciamento del diritto alla salute con la tutela delle attività economiche. La rappresentante del governo sul territorio ha rivolto un vero e proprio appello ai cittadini, perché si comportino con buonsenso. In questo modo, ha detto, si potranno scongiurare ulteriori misure restrittive. A vigilare sul rispetto del decreto ci saranno anche gli uomini del Nas e del Nil dei carabinieri, la polizia ferroviaria e quella stradale, oltre alla polizia locale: insomma, si farà ricorso a tutte le unità disponibili.

Non ci sono novità per quanto riguarda l'uso delle mascherine all'aperto, perché, ha ricordato il prefetto, sono già validi su tutto il territorio nazionale le regole che ne prevedono l'uso in caso di assembramenti. Né al momento sono in programma chiusure e percorsi pedonali alternati - come, per esempio, avvenuto in più occasioni lo scorso anno -, ma nelle prossime settimane ci potrebbero essere novità: alcuni sindaci italiani hanno già varato ordinanze in questa direzione e molti tra gli amministratori locali chiedono l'adozione di una norma che imponga ovunque l'obbligo di mascherine anche all'aperto. 

Il prefetto in mattinata aveva incontrato i rappresentati delle associazioni di categoria per comunicare le misure principali del piano e per sottolineare che non saranno ammessi atteggiamenti superficiali: "Spero che non sia necessaria nemmeno una sanzione", ha commentato con i cronisti comunicando la doverosità di una linea rigorosa da parte di tutti gli organi che dovranno fare i controlli. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass rafforzato, controlli serrati e appello al buonsenso dei cittadini

LeccePrima è in caricamento