rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
“Il fatto non sussiste” / Porto Cesareo

Nessun abuso contro il dipendente, assolto l’ex segretario generale

Si conclude con l’assoluzione piena la vicenda giudiziaria che ha visto imputato Pierluigi Cannazza di Aradeo. Smontata l’ipotesi accusatoria di aver cagionato un ingiusto danno patrimoniale nei confronti di un altro dipendente comunale di San Pietro Vernotico

SAN PIETRO VERNOTICO – Nel marzo scorso era stata accolta la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dal pm Pierpaolo Montinaro per l'ex segretario generale del Comune di San Pietro Vernotico, Pierluigi Cannazza, 62enne, di Aradeo, al quale erano stati contestati i reati di omissione in atti e abuso d’ufficio. Ora al termine delle udienze, con rito abbreviato, è stato assolto. 

La vicenda risale al periodo durante il quale Cannazza (oggi segretario comunale in carica a Porto Cesareo) svolgeva il suo mandato presso il comune brindisino. Era accusato di aver cagionato un danno patrimoniale nei confronti di un altro dipendente del Municipio, a causa della proprie condotte, dettate da idiosincrasie.

Il giudice dell’udienza preliminare, Maurizio Saso, lo scorso 19 luglio, a seguito della richiesta di giudizio abbreviato avanzata dall’avvocato difensore, Luigi Covella, per conto del segretario generale, ha assolto quest’ultimo perché il fatto non sussiste.

Il procedimento penale era nato da una denuncia-querela di un dipendente comunale di San Pietro Vernotico il quale si era sentito leso dal comportamento del dirigente in relazione ad un procedimento amministrativo finalizzato al rimborso delle spese legali (dallo stesso dipendente sostenute nell’ambito di un procedimento penale in cui era indagato e conclusosi con l’archiviazione).

Secondo le indagini condotte dalla guardia di finanza, in veste di segretario generale del Comune, Cannazza avrebbe arrecato alla parte lesa un danno ingiusto di natura patrimoniale, impedendo alla giunta comunale di deliberare da subito il rimborso per le spese legali sostenute. Ipotesi che è stata del tutto smontata nell’ambito del processo con rito abbreviato, in cui la difesa del segretario comunale, ha formulato le proprie controdeduzioni e il gup ha valutato  per l’assoluzione con formula piena dell’imputato.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessun abuso contro il dipendente, assolto l’ex segretario generale

LeccePrima è in caricamento