Niente pagamenti, niente pulizie negli uffici postali: sciopera il personale addetto

La mobilitazione indetta da Ugl per rivendicare la retribuzione degli stipendi di marzo e aprile: "I ritardi si sono aggravati ed il disagio riguarda tutte le sedi di Poste Italiane"

LECCE - Braccia incrociate per tutta la giornata: rispondono così, a muso duro, i dipendenti della società All Service 84 srl che si occupano della pulizia degli immobili per conto di Poste Italiane. Tutte le sedi della provincia sono praticamente gestite dalla ditta subentrata nell’appalto all’inizio di maggio. All Service 84 è stata rilevata dalla società precedente, Building Service srl unipersonale, portando con sé anche il personale già in servizio che conta circa 35 persone.

Lo sciopero odierno è stato dichiarato dal sindacato Ugl e i lavoratori si sono dati appuntamento presso l’ufficio centrale delle Poste di Lecce, in via Lequile, dove hanno esposto striscioni di protesta per rivendicare il pagamento di due mensilità arretrate. Gli stipendi di marzo e aprile non sono stati retribuiti e ora i dipendenti hanno abbandonato gli strumenti del mestiere per l’intera giornata, creando disagi e insofferenza all’interno degli uffici postali.

Antonio Guerrieri, segretario provinciale Ugl, spiega che la vertenza è di lungo corso: “I continui ritardi nei pagamenti si sono aggravati nell’ultimo periodo a causa del pignoramento presso terzi su contratti riferiti al cliente Poste Italiane”. Stando a quanto riferito dal sindacato, il 23 aprile l’azienda avrebbe anche confermato le problematiche d’incasso del mese precedente, e la relativa impossibilità di ottemperare il pagamento della mensilità di marzo prima di maggio 2018.

“Intanto però – puntualizza il sindacalista – anche la Building, che ha rilevato All Service 84, risponde in solido per tutti i crediti vantati dai lavoratori al momento del trasferimento, compresi i mancati pagamenti degli stipendi”. A monte della protesta vi sono altri nodi irrisolti: “Contestiamo anche il mancato pagamento del lavoro straordinario effettuato ed il mancato adeguamento dei parametri assicurativo-contrattuali dell’effettivo lavoro svolto in applicazione del capitolato d’appalto”, puntualizza Guerrieri.

Gli addetti lamentano anche di non ricevere i prodotti necessari per il servizio di pulizia né il rimborso per le spese di benzina, considerati i necessari spostamenti da un ufficio all’altro. Il disagio riguarda circa 35 famiglie del territorio e gli iscritti di Ugl oggi hanno risposto in blocco alla giornata di astensione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

Torna su
LeccePrima è in caricamento