rotate-mobile
Circolare del dipartimento di promozione della Salute

Non solo Covid, ricognizione dei posti letto. Sono 7.387 i nuovi contagi

Sulla base dell’attuale andamento epidemiologico e al sovraffollamento dei pronto soccorso la Regione ha inteso aggiornare il numero dei posti effettivamente attivi negli ospedali per Covid e per le altre patologie. In provincia di Lecce intanto 1.562 nuovi casi

LECCE - Nelle ultime ore, in Puglia il tasso di occupazione dei posti letto nei reparti di area medica Covid è salito di due punti percentuali, passando dall'8 al 10 per cento, secondo quanto rilevato dal monitoraggio dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali.

Il dato è più alto di un punto rispetto alla media nazionale e di sei rispetto al 26 giugno dell'anno scorso quando era occupato il 4 per cento dei posti letto. Situazione sotto controllo nelle terapie intensive, dove il tasso di occupazione è fermo al 2 per cento e dove, per in tutta la regione rimangano, ricoverati ad oggi dieci pazienti. In area medica, non critica, invece il bollettino regionale indica 270 ricoveri, uno in più rispetto al dato comunicato ieri.  

Sul versante dei contagi invece il report giornaliero rileva che in Puglia si registrano 7.387 nuovi casi di contagio al Sars Cov2 e alle sue varianti su 23.371 test analizzati nelle ultime 24 ore con un balzo in avanti anche dell'incidenza giornaliera che raggiunge il 31,6 per cento. Dati che confermano come anche se sottotraccia, e con l’allentamento ormai delle restrizioni, la circolazione del virus non concede ancora una tregua totale.

I nuovi casi di contagio sono suddivisi tra i 2.319 nella provincia di Bari, i 709 nella provincia della Bat, i 647 della provincia di Brindisi, i 1.104 della provincia di Foggia, i 1.562 della provincia di Lecce e i 926 della provincia di Taranto. Sono residenti fuori regione altre 94 persone risultate positive in Puglia, mentre per altri 26 casi la provincia di appartenenza è in via in definizione.

Risalgono a 39.692 le persone attualmente positive in Puglia e si registrano altri cinque decessi.  

Leggi il bollettino

E in riferimento all’attuale andamento epidemiologico, nonché al sovraffollamento dei pronto soccorso, registrato negli ultimi giorni, il dipartimento di promozione della Salute  della Regione ha valutato la necessità di effettuare un aggiornamento del numero di posti letto effettivamente attivi Covid e No-Covid.

“In via prioritaria si precisa che occorre riattivare tutti i posti letto previsti dai vigenti atti di programmazione e, comunque, risultanti nel Sistema informativo edotto nella fase pre-emergenziale, superando anche le misure di sicurezza sul distanziamento” recita la disposizione urgente inviata alle direzioni generale e strategiche dal dipartimento retto da Vito Montanaro, “a tal proposito, si chiede di verificare la produttività delle Unità operative di tutti gli ospedali pubblici insistenti nel proprio territorio di competenza, che, secondo anche una recente rilevazione dei ministeri affiancanti, risulta piuttosto bassa”.

La circolare ribadisce inoltre che “in tutte le unità operative si devono prevedere posti letto da dedicare ai pazienti ricoverati per altre patologie e positivi al Covid. In alternativa possono essere create aree multidisciplinari da destinare ai predetti pazienti Covid”. Ciò  si rende necessario al fine di evitare l’occupazione di un posto letto, dichiarato al ministero e dedicato in via esclusiva al paziente con la sola patologia Covid.

Le direzioni strategiche devono inoltre definire percorsi di appropriatezza dei pazienti Covid, evitando un eccessivo ricorso al ricovero in area medica. Infine per ogni singolo ospedale è necessario aggiornare per la rete ospedaliera Covid il numero dei posti letto effettivamente attivi o attivabili entro 24/48 ore; e per la rete ospedaliera No-Covid il numero dei posti letto effettivamente attivi con particolare riferimento, alle discipline di Medicina interna, cardiologia, pneumologia, neurologia, chirurgia generale, ortopedia e traumatologia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non solo Covid, ricognizione dei posti letto. Sono 7.387 i nuovi contagi

LeccePrima è in caricamento