menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Su oltre 4500 tamponi positivo l'1,5 percento. Sei nuovi casi nel Salento

Nel bollettino spicca l'incremento del dato dei guariti, pari a 65. Un decesso in provincia di Taranto. Obbligo di tampone per chi arriva dalla Francia

LECCE – È del 1,5 percento il rapporto tra tamponi positivi (67) e quelli registrati (4.512): lo attesta il bollettino epidemiologico regionale nel quale spicca il numero di cittadini dichiarati guariti, ben 65 (totale di 4.371 dall’inizio dell’epidemia).

Si tratta di un incremento che, sommato all’unico decesso – in provincia di Taranto, relativo a un ultra 80enne -, determina un livello di casi attuali di Covid praticamente invariato rispetto a ieri (uno solo in più). Stabile anche il numero dei pazienti in terapia intensiva, undici, mentre i ricoveri sono aumentati di due unità, da 212 a 214.  

Dei nuovi casi confermati, sei si riferiscono alla provincia di Lecce, il cui dato progressivo è ora di 765 (con una incidenza di 9,6 ogni 10mila abitanti). In provincia di Bari sono stati 34 i tamponi positivi, dieci in quella di Foggia, sette nel Tarantino, sei nella Bat, 3 in provincia di Brindisi, più un residente fuori regione. 

Consulta il bollettino del 22 settembre

Come stabilito dal ministero della Salute è stata istituita l'obbligatorietà (e gratuità) del tampone per tutti coloro che arrivano in Italia da alcune zone della Francia: Alvernia-Rodano-Alpi, Corsica, Hauts-de-France, Île-de-France, Nuova Aquitania, Occitania, Provenza-Alpi-Costa Azzurra. La misura riprende quanto già deciso per Croazia, Grecia, Malta e Spagna (e per la Sardegna).

Fino alla prova del tampone gli interessati devono rimanere in isolamento presso il proprio domicilio. Sono esonerati coloro che possono produrre la prova certa di tampone eseguito con esito negativo nelle 72 precedenti l’ingresso in territorio nazionale; la prova certa di tampone eseguito con esito negativo al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine; la prova certa di tampone eseguito con esito negativo successivamente alla data di arrivo, la cui esecuzione è fortemente raccomandata non prima delle 72 ore. 

Vale sempre la regola per cui tutti coloro che arrivano in Puglia da qualsia parte del mondo o del Paese, devono segnalarsi tramite il sito istituzionale, compilare il modulo e inviarlo, se si soggiorna in provincia di Lecce, a protocollo.sispnord@ausl.le.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento