menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Scuole, c’è l’ordinanza: didattica digitale integrata fino al 15 gennaio

L’ha emanata nel pomeriggio il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Confermata la possibilità di partecipazione a laboratori, laddove previsti e della presenza in aula se espressamente richiesto dai genitori

LECCE – La Puglia ha deciso: didattica digitale integrata per tutti sino al prossimo venerdì 15 gennaio. La disposizione per tutte le scuole del territorio, dalle primarie alle superiori, per poter avere il tempo di monitorare ancora la curva dei contagi e dell’indice Rt. L’ordinanza è stata emanata e trasmessa nel pomeriggio di oggi, a firma di Michele Emiliano: il governatore ha voluto intraprendere una via prudenziale in attesa di sapere gli effetti e le conseguenze al termine del periodo festivo.

Vista la forma flessibile della didattica, l’ordinanza conferma la possibilità degli istituti di garantire l’attività in presenza per l’uso di laboratori o per far fronte alle esigenze degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. Discorso analogo per i genitori che chiedano espressamente la presenza tra i banchi delle aule. “Tale scelta è esercitata una sola volta e per l’intero periodo di vigenza della presente ordinanza”, si legge nell’ordinanza. Tutti gli istituti  dovranno comunicare, ogni lunedì della settimana, all’Ufficio scolastico regionale e al Dipartimento della salute, attraverso la procedura predisposta sulla piattaforma www.studioinpuglia.regione.puglia.it, il numero degli studenti e il numero del personale scolastico positivi al Covid-19 o in quarantena, nonché tutti i provvedimenti di sospensione dell’attività didattica adottati a causa dell’emergenza.

“L’ordinanza sarà in vigore per un periodo limitato di tempo, quindi è provvisoria e precauzionale, in attesa che la cabina di regia del ministero della Salute chiarisca l’effettivo livello di pericolo. Com’è noto il Governo la notte scorsa ha cambiato alcuni dei criteri per le zonizzazioni gialla-arancione-rossa, rendendoli più stringenti e valutando una situazione di rischio talmente preoccupante da richiedere un simile provvedimento. La scelta della Didattica digitale integrata va incontro anche alle richieste di tutte le rappresentanze sindacali della scuola che per la prima volta si sono espresse all’unanimità in tal senso. Rimane ferma la possibilità per i bisogni speciali e altre situazioni di necessità di richiedere la didattica in presenza secondo le modalità previste dall’ordinanza”, ha dichiarato il presidente della Regione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento