Otto multe dei vigili: troppa gente in un b&b. E c’è chi pulisce pesce tra gli scogli

Anche nel fine settimana appena trascorso controlli nel centro storico e sul litorale gallipolino della polizia locale. Norme rispettate, ma non mancano gli irriducibili trasgressori

GALLIPOLI – Sono proseguiti anche nell’ultimo fine settimana i controlli degli agenti della polizia locale del comando di via Pavia a Gallipoli al fine di verificare il rispetto delle norme sul divieto degli spostamenti non giustificati per arginare il pericolo di contagio da Covid 19.  Un’attività che ha messo in luce un sostanziale rispetto delle restrizioni di buona parte dei cittadini anche se non sono mancate le solite eccezioni che hanno portato all’elevazione di otto sanzioni. Il monitoraggio dei vigili si è concentrato in particolare nelle zone del centro storico, delle periferie e nelle marine. Ma soprattutto lungo il litorale si è registrato il maggior numero dei verbali contestati e che ha riguardato persone che passeggiavano sul lungomare, o addirittura, emblematico l’episodio di un gallipolino che tranquillamente, in tenuta balneare, era intento a  pulire il pesce coperto dagli scogli.

Quest’ultimo, avvistato dalla pattuglia di servizio, è stato raggiunto dagli agenti sulla scogliera che hanno provveduto a richiamarlo ad un comportamento più rispettoso nelle norme restrittive e anche a multarlo atteso che recarsi sulla scogliera per pescare o pulire il pesce non rientra certo tra le azioni di necessità che giustificano l’allontanamento dalla propria abitazione. Sempre a seguito delle verifiche nel corso dell’ultimo weekend sono stati segnalati, e poi scoperti, degli assembramenti di persone all’interno in un b&b cittadino. A seguito dell’intervento degli agenti, guidati dal comandante Antonio Morelli, tutti i presenti sono stati multati.

“Riceviamo tantissime segnalazioni e il corpo di polizia municipale è sempre pronto a intervenire” spiega l’assessore Paola Scialpi, “ogni giorno gli agenti di polizia locale eseguono i controlli su tutta l’area cittadina, con un’attenzione maggiore nelle zone vicino al mare. Non a caso, la maggior parte dei verbali sono da attribuirsi a persone che passeggiavano lungo il mare, o addirittura, emblematico l’episodio di un gallipolino che tranquillamente puliva il pesce coperto dagli scogli. Non è assolutamente rispettoso nei confronti di chi resta a casa, di chi stringe i denti aspettando che l’emergenza passi. La maggior parte della popolazione” conclude l’assessore alla polizia municipale, “vorrebbe uscire, ma non lo fa. Lo sforzo di molti non potrà essere vanificato dall’inadempienza di pochi. Ancora alcuni pensano, poco furbescamente, che anche il centro storico sia un ottimo rifugio per poter fare quello che si vuole, ma gli occhi sono tanti e non esitiamo ad intervenire”. Dall’assessorato e dal comando della polizia locale si avverte che i controlli anche per i prossimi giorni saranno sempre puntuali e costanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

Torna su
LeccePrima è in caricamento