rotate-mobile
Venerdì, 31 Maggio 2024
Attualità Centro

Perdite e rotture nella rete idrica: allagata anche una galleria del Castello Carlo V

In corso interventi urgenti in via Verdi, stamattina la chiusura di un tratto della vicina via Maremonti. Nelle scorse settimane allagamenti nei sotterranei del maniero hanno imposto la chiusura degli ambienti

LECCE – Questa mattina un tratto di via Maremonti, quello tra via Ascanio Grandi e piazza Vittorio Emanuele II, è stato temporaneamente chiuso al traffico a causa di una perdita dalla rete di Acquedotto Pugliese.

Appena due giorni addietro era stato vietato il transito dal varco di accesso alla Ztl di via Fazzi e sono state introdotte modifiche alla circolazione per un altro guasto alla rete idrica: quello individuato in via Verdi, praticamente in adiacenza alla sede della Banca d’Italia per riparare il quale sono al lavoro i tecnici e gli operai della ditta incaricata (nella foto, sotto). 

aqpLavori-2

C’è, tuttavia, un altro problema e ha a che fare con il Castello Carlo V. In conseguenza di alcune perdite nelle condutture scoperte nelle scorse settimane, sono state chiuse le gallerie, a partire da quella del lato sud (viale Marconi): sono gli ambienti ricavati con la copertura dell’originario fossato e che nel corso del tempo sono stati adibiti a stalle, depositi e anche ricoveri antiaerei. Questi spazi sotterranei del maniero, che l’opera fortificata più grande di Puglia, furono riaperti al pubblico nel 2014 dopo un lungo lavoro di recupero e attrezzati per essere attraversati dai visitatori. Le perdite che sono verificate hanno provocato veri e propri allagamenti e ora si è in attesa di conoscere i tempi per la conclusione degli interventi necessari.

Questa vicenda inattesa si aggiunge, insomma, alla lista delle “cose da sistemare” prima di riattivare e migliorare la fruizione del castello: rientrato interamente nella disponibilità dello Stato nel mese scorso – il Comune ha restituito la parte che molti anni addietro aveva ottenuto in concessione -, è ora oggetto di un lavoro di ricognizione da parte della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle province di Brindisi e Lecce. È necessario, infatti, verificare la tenuta degli impianti e delle varie dotazioni e intervenire con opere di adeguamento. Parallelamente, sempre all’interno del castello, sono in corso i lavori di restauro e valorizzazione,  a cura del Segretariato Regionale per la Puglia del ministero della Cultura e altri due lotti di interventi sono in fase di progettazione e saranno appaltati entro l’anno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perdite e rotture nella rete idrica: allagata anche una galleria del Castello Carlo V

LeccePrima è in caricamento