menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Solidarietà e diritti umani, sosteniamo i bambini del Camerun

Sarà presentata oggi alle 18 sulla pagina facebook Terzo Millennio la campagna di sostegno a distanza “Noi siamo nessuno” che promuove l’acquisto degli atti di nascita

La Campagna di sostegno a distanza per i bambini e le bambine “fantasma” dello Haut-Nyong, “Noi siamo nessuno”, sarà ufficialmente presentata sulla pagina facebook di Terzo Millennio oggi, 9 dicembre 2020, alle ore 18.00. Interverranno tra gli altri Giovanni Lattanzi presidente Cocis e Madame Ly Dumas, presidente della Fondazione Jean-Félicien Gacha. Sarà inoltre possibile porre domande ai responsabili della Campagna.

In Camerun quasi 10 milioni di persone vivono al di sotto della soglia di povertà: per loro significa convivere con malnutrizione, alto tasso di mortalità infantile, difficile accesso alla sanità e all’educazione, impossibilità di registrare la nascita dei propri figli. Ogni anno, per migliaia di bambine e bambini, non essere registrati al momento della propria nascita significa crescere senza poter sostenere gli esami scolastici, senza poter avere accesso ai servizi pubblici, senza poter esercitare i propri diritti civili (come ad esempio votare). Significa essere nati senza il diritto di crescere, senza il diritto di costruire il futuro proprio e delle proprie famiglie, delle proprie comunità.

coccinelle-2

Insieme al nostro partner locale, la Fondation Jean-Félicien Gacha, promuoviamo l’acquisto degli atti di nascita per le bambine ed i bambini delle scuole di Maka e Manoré, due villaggi rurali della regione dell’Est del Camerun accomunati da condizioni di isolamento geografico e di estrema povertà degli abitanti, quasi esclusivamente famiglie di pastori mbororos.

“Per questi bambini, non avere l’atto di nascita equivale a una vera e propria esclusione dalla cittadinanza, dall’esercizio dei più elementari diritti – ha dichiarato Fabiola Sica project manager della campagna – e crea una classe di “signori nessuno” senza alcuna prospettiva di progresso sociale ed economico”- “La battaglia per migliorare le condizioni di queste bambine e di questi bambini non è solo una iniziativa nell’ambito delle attività di cooperazione in tema di diritti umani dell’associazione, ma risponde in piano alla missione di Terzo Millennio che è quella, per dirla con le parole del grande educatore Edgar Morin, di “salvare l’Umanità realizzandola”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Salento da zona gialla: 81 nuovi casi ogni 100mila abitanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    La questura informa: proroga permessi di soggiorno

  • Cucina

    Trìa, pasùli e mùgnuli: la ricetta della signora Laura

  • Fitness

    Rassodare il seno, ecco gli esercizi da fare

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento