Nel centro di Fabrizio Miccoli si allena la prima squadra amputati del Sud

Costituita da otto giocatori, è stata riconosciuta dalla Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali

Una parte della formazione.

SAN DONATO DI LECCE – La prima squadra del Mezzogiorno composta da calciatori che hanno subito amputazioni è stata costituita a San Donato di Lecce, presso l’associazione sportiva dilettantistica “Fabrizio Miccoli”. La compagine è stata riconosciuta dalla Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali.

“Speriamo di fare un’ottima figura in questa campionato, ma la nostra vittoria più grande è quella di aver già tesserato tre nuovi ragazzi che fino all’anno scorso non praticavano questo sport, quindi per noi abbiamo già vinto . ha dichiarato Alberto Sodero, uno degli effettivi -. Spero che continueremo a crescere nei numeri e poi potremo anche dire la nostra in questo campionato. Ma ripeto, l’obiettivo più grande noi l’abbiamo già raggiunto”.

La squadra, oltre Sodero, vede impegnati Johnny Calabrese (portiere), Gabriele Albanese, Giampiero La Regina, Giuseppe Dario Longo, Marcello Cirisano, Luca Zavatti (allenatore e giocatore), Salvatore Iudica (secondo portiere).

L’iniziativa è stata del presidente dell’Associazione, Luigi Manca, e di Fabrizio Miccoli, i quali, dopo diversi contatti con Sodero e con la federazione, hanno dato vita a questo nuovo progetto, mettendo a disposizione dei calciatori i loro spazi per allenarsi e disputare le partite di campionato. I primi impegni ufficiali sono in programma a fine aprile a Correggio e a metà giugno a Vicenza.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento