rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Dopo il rinvio per la pandemia / Gallipoli

Primavera insolita, fioriscono carri e coriandoli su Corso Roma e nel centro storico

Confermate le date del 24 e 30 aprile per lo slittamento della nuova edizione del Carnevale storico di Gallipoli. Annunciate le novità per le sfilate dei giganti di cartapesta e dei gruppi. Musica, performance teatrali e cabaret in piazza e nel borgo antico

GALLIPOLI - Per il secondo anno consecutivo la città di Gallipoli non ha rispettato la tradizione del carnevale nelle classiche date invernali, ovviamente per il perdurare dell’emergenza pandemica.   Ma ora, per la prima volta, la kermesse si sposta in primavera e precisamente nelle giornate già annunciate del 24 e del 30 aprile prossimi.

Le date sono state concordate con i maestri cartapestai che ancora oggi continuano, nelle loro sedi, a lavorare costantemente per rendere spettacolare la nuova edizione dopo il fermo dello scorso anno. Nella mattinata di ieri, con una diretta sul profilo social del Comune, è stato quindi annunciato il programma della nuova edizione del Carnevale storico di Gallipoli.

Qualche critica era giunta tra i commentatori delle piattaforme social e anche dall’opposizione di Gallipoli Futura circa l’opportunità di annunciare il programma della manifestazione proprio nell’inizio della Settimana Santa che conduce alla Pasqua. Gli amministratori e la direzione artistica del kermesse hanno chiarito che si è trattato solo di un rapido annuncio, dettato anche dalla esigenza di lanciare l’evento a livello nazionale, senza nessuna volontà di calpestare la sacralità del periodo legato ai riti pasquali.

A meno di due settimane dalla prima e insolita giornata di festa il sindaco quindi il sindaco, Stefano Minerva, il consigliere delegato Tony Piteo e il direttore artistico Alberto Greco, hanno svelatato per larghe linee i dettagli del programma e le motivazioni che hanno spinto gli amministratori a scegliere la fine aprile quale periodo per lo slittamento della manifestazione.

“Con grandi difficoltà abbiamo voluto salvaguardare il lavoro dei carristi e dei gruppi mascherati, in poche parole non abbiamo voluto rendere vani gli sforzi degli artisti e degli organizzatori come accaduto in altre città, bensì valorizzare la tradizione” ha spiegato il primo cittadino, “rispettosi della settimana in corso, la nostra intenzione è quella di rafforzare la potenza degli eventi nei giusti tempi, senza alcuna mancanza di rispetto. Il Carnevale deve essere valorizzato, così come le persone che lo realizzano”.

Le novità della nuova edizione

La novità di questa nuova edizione sarà la presenza di “Carnevali d’Italia”, la grande community web che accomuna i migliori carnevali tra le più grandi realtà d’Italia, valorizzando questo grande patrimonio culturale che il territorio gallipolino concepisce in maniera altamente artistica.

Inoltre non mancheranno gli ospiti provenienti da varie zone d’Italia, tra cui i grandi mastri cartapestai delle botteghe del Carnevale di Putignano e del grande Carnevale di Viareggio che presenzieranno anche in qualità di giurati della manifestazione.

Il Carnevale di Gallipoli è organizzato dal Comune di Gallipoli, con la direzione artistica di Alberto Greco e in collaborazione con Pro Loco di Gallipoli.

IMG_9999-9

Cinque i carri allegorici

Saranno cinque i grandi carri allegorici di prima categoria in gara: il giovane e creativo team di Fideliter excubat, capeggiato dai maestri Gabriele Cortese e Roberto Perrone, il team dei fratelli Coppola, macchina del carnevale per eccellenza guidati da Stefano Coppola, il veterano del carnevale il maestro Franco Monterosso che vanta oltre 40 anni di partecipazioni. E ancora  l’emergente team di lavoro capeggiato da Oreste Scorrano, figlio artistico delle botteghe artigiane storiche del maestro Cosimo Perrone e, il premiato dell’ultima edizione, il numeroso team di lavoro Siamo Noi Group, capeggiato dai maestri Giovanni Pacciolla e Davide Scarpina, erede del compianto maestro cartapestaio Uccio Scarpina che ha segnato la storia del carnevale di Gallipoli.

Ai cinque carri allegorici si affiancheranno quattro carri di seconda categoria realizzati dalla giovane bottega artigiana della cartapesta: i giovani accompagnano in questo percorso artistico i grandi maestri, per garantire il futuro del grande carnevale gallipolino. A sfilare, dunque: il team Massimiliano Negro, il team Mattia Cortese e Alex Coppola, quello di Umberto Carroccia e Stefano Sergi e, infine, il Comitato festa patronale Santa Cristina.

Numerosi anche i gruppi mascherati in gara: il corso Roma di Gallipoli farà da sfondo anche ai gruppi dei paesi limitrofi. Non mancheranno infatti partecipanti provenienti da Melissano e Galatone che da anni stringono con Gallipoli un grande patto di alleanza artistica. Il tutto accumunato da un unico, grande tema: l’amore, quello universale, tema scelto per questa nuova edizione.

Gruppi mascherati a Gallipoli archivio-3

L’annuncio degli assessori

“Vogliamo portare avanti l’impegno dell’ente, degli organizzatori e di tutti coloro che si occupano della manifestazione” ha spiegato il consigliere delegato Tony Piteo, “un grande lavoro di squadra, iniziato mesi e mesi fa, per cercare di abbracciare l’intera città e di associare l’evento all’inizio della stagione per incrementare i visitatori. Chiuderemo in bellezza il Carnevale con uno show comico e musicale pensato per la città”.

“Tra le varie personalità anche i comici TheLesionati e Mandrake, giovane pugliese divenuto celeberrimo sui social network. Quello di quest’anno sarà un carnevale diverso, non solo per le date, ma soprattutto per le novità introdotte. Non solo la collaborazione con Carnevali d’Italia, ma anche la tappa serale del centro storico rappresenterà un momento innovativo”.

Aggiunge l’assessore al turismo e allo spettacolo, Rossana Nicoletti: “Il carnevale rappresenta senza dubbio una grande vetrina per Gallipoli. Da questo mese in poi saranno tante le attrattive, oltre a quelle di cui dispone naturalmente la città, per cittadini e turisti. Con la partecipazione alle fiere e la giusta programmazione stiamo organizzando un programma ricco di eventi e di iniziative”.

Il programma, condensato, è stato illustrato dal direttore artistico Alberto Greco che ha rammentato l’insediamento dei regnanti del carnevale e il corteo storico e le rappresentazioni teatrali che saranno a corredo dei vari appuntamenti.

“Il Carnevale è sì fuori stagione, ma la programmazione turistica della città va oltre. Abbiamo avuto 24 mesi per realizzare i carri e ci saranno grandi novità dal punto di vista artistico: tante le performances che si terranno anche sui carri allegorici. È un anno di rinascita anche dal punto di vista artistico” ha concluso Greco, “i mastri cartapestai potranno esporre la propria arte e renderla visibile oltre i confini della città. Sarà una festa di primavera che implementerà l’offerta turistica colorando la città dopo due anni di astinenza artistica”.

CarnevaleGallipoli2022-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primavera insolita, fioriscono carri e coriandoli su Corso Roma e nel centro storico

LeccePrima è in caricamento