Proclamati dottori davanti ad amici e parenti: i primi laureati del post-Covid

Dieci studenti hanno discusso la tesi in presenza ricevendo il sigillo dell'ateneo dalle mani del rettore. Pollice: "Una festa e un ritorno alla normalità per tutti"

In foto: una seduta di laurea nel rettorato

LECCE – Mesi di studio solitario e casalingo in cui l'unica possibilità di svago era quella di accendere il pc per incontrare, virtualmente, colleghi e docenti. Non è stato semplice il periodo appena trascorso, scandito dall'insolita routine del lockdown, ma ora gli studenti di Unisalento possono lasciarlo alle spalle e guardare al futuro con occhi diversi.

Un sollievo per tutti, specialmente per i neolaureati che, proprio oggi, hanno discusso la loro tesi in presenza e non dietro al gelido schermo di un computer.

In piazza Tancredi a Lecce, dove ha sede il rettorato, si è svolta la cerimonia di proclamazione dei laureati in presenza. I primi della fase 3, post Covid, che hanno ricevuto il sigillo dell’ateneo dalle mani del rettore, Fabio Pollice.

“Una festa - l'ha definita Pollice -, un momento celebrativo della fine di un percorso accademico, ma anche di una fase di necessaria distanza che ci si augura di superare definitivamente”.

La tesi magistrale degli studenti è stata discussa alla presenza della commissione, ma anche di alcuni parenti e famigliari (non tutti) ammessi all'interno delle aule.laurea 2-4

L'ateneo salentino ha mantenuto in vigore le norme necessarie a limitare il contagio del Covid-19, consentendo solo accessi limitati a 5 persone per laureato, tutte munite di autocertificazione, e provvedendo a sanificare sedie, tavoli e microfoni.

La cerimonia ha comunque rappresentato un ritorno alla normalità sia per gli studenti, sia per l’intera comunità accademica che ha attraversato un momento storico decisamente complicato.
 
“Siamo felici di poter festeggiare le prime lauree magistrali in presenza – ha aggiunto il rettore - e di una vera e propria festa vogliamo parlare: dopo mesi di lontananza, dopo il grande impegno profuso perché le nostre attività continuassero, è il momento di pensare al futuro dando valore innanzitutto ai nostri laureati. Coloro i quali, grazie alle conoscenze, competenze e abilità acquisite nel nostro ateneo, potranno affermarsi nel mondo del lavoro e, speriamo, contribuire allo sviluppo del nostro territorio".
 
Durante la cerimonia sono state conferite le lauree magistrali a 10 studenti dei corsi del dipartimento di Studi Umanistici.

Fino alla fine di luglio rimangono in calendario le sedute di laurea di oltre 250 studenti dei vari dipartimenti d’ateneo. UniSalento garantirà comunque la possibilità di laurearsi a distanza nei casi di particolare fragilità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il resto, le altre sedute si terranno nel Centro congressi e nell’aula Y1 del complesso Ecotekne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento