rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Attualità Melpignano

Proroga autovelox di Melpignano, l’opposizione contesta la scelta della sindaca

La giunta comunale ha approvato la proroga dei servizi ausiliari per la rilevazione delle infrazioni sulla Lecce-Maglie in attesa della nuova gara. Il gruppo dell’ex sindaco Stomeo contesta le motivazioni dopo le prese di posizione di Avantaggiato e Blasi in campagna elettorale

MELPIGNANO - Non bastava la valanga di ricorsi che continuano ad accavallarsi negli uffici del giudice di pace e della giustizia amministrativa e negli studi legali. Ora sulla prosecuzione dell’attività dell’apparecchiatura autovelox lungo la statale Lecce-Maglie, nel territorio del Comune di Melpignano, arriva la decisa presa di posizione del gruppo di opposizione guidato dall’ex sindaco Ivan Stomeo.

Con una recente delibera della giunta comunale della sindaca Valentina Avantaggiato, datata 24 gennaio scorso, l’amministrazione comunale ha dato indirizzo agli uffici comunali al fine di  garantire la continuità dei servizi di ausilio all’ufficio della polizia locale per la rilevazione delle infrazione al codice della strada (in relazione proprio al servizio autovelox avviato dal 2019) in attesa dell’espletamento della nuova procedura di gara per l’individuazione del nuove affidatario del servizio.

In buona sostanza, come ha avuto modo di chiarire il primo cittadino, si è trattato di un provvedimento legato alla necessità “di garantire la continuità dei servizi di ausilio all’ufficio della polizia sussistendo l’effettiva necessità di assicurare precariamente il servizio nelle more del reperimento di un nuovo contraente”. Per la sindaca Avantaggiato non vi è alcuna volontà di mantenere attivo il servizio per ragioni di “cassa” dunque, ma di perseguire le stesse finalità per le quali lo stesso è stato predisposto dalla precedente amministrazione in materia di sicurezza stradale. 

Per il Comune si è trattato dunque di una proroga “tecnica e temporanea”, alla scadenza dei tre anni di sperimentazione del servizio, onde evitare anche un paventato contenzioso con la ditta Italtraff srl di Manduria, concessionaria del servizio ausiliario di rilevazione delle infrazioni, destinataria anche di una richiesta di interruzione anticipata del contratto dopo il superamento dell’importo dell’appalto essendo state superate, già nel primo anno di esercizio, il numero delle infrazioni stimate.

Ma la decisione di prolungare il servizio ausiliario, e quindi l’attività di rilevazione da parte delle apparecchiature autovelox, in attesa dell’affidamento al nuovo concessionario, ha generato anche le rimostranze del gruppo consiliare di “Melpignano Civica”, guidata dall’ex primo cittadino Ivan Stomeo.

Il gruppo di opposizione contesta per lo più le “motivazioni” espresse dalla sindaca sulla decisione di mantenere in auge il servizio, quando lo stesso, in campagna elettorale, era stato fortemente attaccato proprio dalla coalizione di sostegno all’attuale sindaco e dall’area Dem legata a Sergio Blasi.

“Meritano un'amministrazione che abbia il coraggio delle proprie azioni, che sappia assumersi la responsabilità delle proprie scelte, soprattutto di quelle scomode” ammoniscono i consiglieri di Mepignano Civica, “invece, le ultime dichiarazioni della sindaca Avantaggiato sulla questione autovelox  ci consegnano una realtà molto diversa. La sindaca, una volta per tutte, senza ipocrisie, con onestà e rispetto per chi rappresenta abbia il coraggio di dire che gli incassi dell'autovelox sono indispensabile per realizzare il programma di governo. E se così non fosse, abbia il coraggio di spegnerlo definitivamente, oggi stesso” puntualizzano i consiglieri della minoranza.

“Non servono le giustificazioni della continuità amministrativa e del completamento degli iter pregressi e delle multe che la vecchia società dovrà ancora incassare” spiegano ancora i consiglieri, “perché per portare a completamento tali pendenze, e quindi l'iter dei ricorsi, in questo anno e mezzo di amministrazione sarebbe stato sufficiente costituire un fondo contenzioso con i soldi già disponibili in cassa e così garantirsi. L'impressione è che si voglia scaricare su altri il disonore di questa scelta, ma senza perderne i benefici. L'autovelox serve alla sicurezza stradale, ma anche a fare una enorme cassa da impiegare per realizzare con grande facilità quello che altrimenti resterebbe un libro dei sogni”.

“La sindaca Avantaggiato, ci metta la faccia e prenda posizione” concludono dal gruppo di Stomeo, “anche se questo significa deludere i suoi elettori. Anche se questo  significa contraddire la posizione, invece chiarissima, dell’ex consigliere regionale Sergio Blasi che con forza ha sostenuto la sua candidatura e dal palco elettorale faceva notare che si è pensato di affidare il presente e il futuro di questa comunità alle multe dell'autovelox”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proroga autovelox di Melpignano, l’opposizione contesta la scelta della sindaca

LeccePrima è in caricamento