menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I nuovi casi sono 1.459: il rapporto con i tamponi fatti segna un lieve calo

Il report settimanale di Asl Lecce documenta, in valore assoluto, il peggior dato da inizio epidemia ma su una base più ampia di cittadini sottoposti a test. Si prepara l'ampliamento dei posti letto: i pazienti sono ora 192

LECCE - Sebbene il numero di nuovi casi emersi nel Salento negli ultimi sette giorni sia superiore al dato della settimana precedente - 1.459 contro 1.367 -, cala leggerimente il rapporto tra esiti positivi e persone sottoposte a tampone (circa 7.700, esclusi i casi già noti) che passa dal 19.5 al 18.7 percento.

Il report periodico di Asl Lecce*, appena diffuso, documenta anche una riduzione del numero degli accessi per ricovero in ospedale (ma questo può dipendere anche dalla saturazione della disponibilità attuale): sono stati 79 a fronte di 104 della settimana tra il 13 e il 19 marzo. I pazienti sono attualmente 192, erano 181 la scorsa settimana, mentre i decessi nei reparti Covid sono stati 14. Il numero dei guariti ha visto un incremento di 712 unità.

Asl prevede l'aumento del numero dei ricoveri

Il carico sul sistema sanitario continua dunque ad aumentare e almeno nel breve periodo non si attendono sostanziali miglioramenti da questo punto di vista: tra la riduzione dei contagi, tra l'altro ancora di là da venire, e quella dei ricoveri e dei decessi, infatti, non c'è infatti simultaneità, ma una successione temporale di diverse settimane. Ci si prepara, dunque, a un'ulteriore stretta nelle corsie: "La nostra provincia - recita il commento della direzione generale di Asl - sta attraversando una fase di estrema difficoltà, con un incremento considerevole dei nuovi contagiati e dei posti letto occupati. Auspichiamo un appiattimento nella curva di crescita, che dopo oltre una settimana di zona rossa dovrebbe cominciare ad emergere, ma ci stiamo adoperando per attivare nuovi posti letto perché prevediamo incrementi nei numeri dei ricoveri. Abbiamo quindi il dovere e la necessità di chiedere a tutti i cittadini e a tutte le cittadine un grande aiuto e uno sforzo ulteriore: perché il sistema regga, anche in questa terza ondata, è necessario il supporto di tutti, con il rispetto delle regole che la zona rossa richiede e delle tre indicazioni anticontagio: distanziamento, corretto uso della mascherina e lavaggio delle mani".

Incidenza: 5 casi attuali ogni cento abitanti

A Lecce i casi di positività emersi in settimana sono stati 220 (la settimana precedente erano stati 248), a Squinzano 83, a Nardò 76, a Gallipoli 64, per rimanere sugli incrementi più significativi. Complessivamente il dato degli attuali positivi in provincia ha registrato un incremento di 721 unità, portandosi a 3.755 per una incidenza di poco meno di 5 casi ogni mille abitanti. Oltre questo valore medio si colloca Lecce con 6,7 ma l'incidenza più alta in rapporto alla popolazione si registra a Botrugno con 9,3; a Castrignano del Capo con 8,2; a Cavallino con 9,4; a Diso con 9,3; a Gallipoli con 8,9; a Lizzanello con 10,5; a Miggiano, con 12; a Palmariggi con 11,9; a San Cesario di Lecce con 9,3; a Squinzano con 16; a Supersano con 10,2; a Scorrano, con 8,8; a Tiggiano, con 9,2. Al momento non ci sono comuni senza casi attuali: ovviamente quello con il numero maggiore è Lecce, con 621. 

Durante la settimana sono state inoculate altre 1.740 prime dosi di vaccino (totale 74.028 pari a 10,6 dosi per 100 abitanti) e 8.572 seconde dosi (totale 37.025 pari a 4,2 per 100 abitanti). L'attività di somministrazione ha coinvolto per la gran parte la fascia di popolazione degli over 80: dall'inizio della fase della campagna vaccinale loro riservata, sono 14.303 gli ultraottantenni che hanno completato il ciclo.

Scarica il Report Asl 26 marzo 2021 (se utilizzate lo smartphone, il download è possibile da browser e non dall'App).

*Il report Asl è a cura di Fabrizio Quarta, direttore dell'Unità operativa complessa di Epidemiologia e Statistica, con la collaborazione di Angela Metallo ed elaborazione dati di Carlo Indino. Ha contribuito il gruppo di lavoro formato da Valeria Gerardi, Ornella Guida e Donato Rollo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Stanchezza in primavera, ecco perché

  • Sicurezza

    Come utilizzare l’aceto per le pulizie di casa

  • Cucina

    Melanzane marinate all’aceto, fresche e veloci

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento