menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Report Asl: lieve calo del numero dei ricoverati. Taurisano, il focolaio arretra

Il resoconto settimanale di Asl fotografa un quadro nel complesso stabile, con segnali di miglioramento. In alcuni comuni incrementi decisi degli attuali positivi: tra questi Nardò, Carmiano, Cavallino, Lizzanello

LECCE – Dalla provincia di Lecce, che resta quella con la minore incidenza di casi di Covid di tutto il Paese, arrivano i primi riscontri alla tendenza alla stabilizzazione dell’andamento dell’epidemia: si tratta di segnali – contenuti nel report settimanale di Asl Lecce* - che possono essere di incoraggiamento per tutta la regione, sebbene le differenze tra i territori della Puglia siano molto marcate.

Intanto il rapporto tra casi positivial Covid-19 e casi testati è sceso di tre decimali, attestandosi all’11,81 percento (questo dato è però da considerarsi non consolidato fino alla prossima settimana). I nuovi casi di positività emersi sono stati 655, a fronte di 5.548 casi testati (media giornaliera 792).

In secondo luogo è diminuito di sei unità il numero dei degenti, cioè dei pazienti ricoverati, passato da 142 a 136. Le dimissioni, nell’ultima settimana sono state 58 e, tenendo presente coloro che hanno concluso l’isolamento fiduciario, il numero complessivo dei guariti è di 641 persone. I decessi sono stati 12 (113 dall’inizio dell’epidemia). Al netto dei guariti e decessi il numero dei casi attualmente positivi in provincia di Lecce è di 2.324 (più 272 rispetto al dato del 20 novembre). Quello dei casi totali è arrivato a quota 4.501 (il bollettino regionale è “fermo” a 3.865 e il disallineamento temporale è dovuto alle diverse procedure di registrazione).

La situazione dai Comuni

La media di casi attivi in provincia è di 2,9 per mille abitanti (più 0,3 rispetto al 20 novembre). Melpignano e Surano sono gli unici due comuni in cui non ci sono attualmente casi di infezione da Covid-19 di propri residenti. Tra i centri in cui durante la settimana sono stati registrati i maggiori incrementi ci sono Carmiano, da 30 casi a 59; Cavallino, da 33 a 50; Copertino, da 34 a 54; Cursi, da 4 a 20; Guagnano, da 10 a 19; Lecce, da 215 a 284; Lizzanello, da 20 a 38; Martano, da 32 a 54; Monteroni, da 14 a 27; Nardò, da 41 a 80; Otranto da 8 a 15; Sogliano Cavour, da 11 a 24; Squinzano da 28 a 40; Porto Cesareo da 26 a 33.

Il decremento più significato si è verificato a Taurisano, da 204 a 140 casi: nel comune del basso Salento il focolaio che aveva destato allarme nelle scorse settimane sembre poter essere ridimensionato; poi si segnalano Carpignano Salentino, passato da 27 a 19; Corigliano d’Otranto, da 13 a 7; Giurdignano, da 6 a 1; Montesano Salentino, da 13 a 7; Ruffano, da 53 a 41; Taviano, da 31 a 20; Ugento, da 45 a 35.

Scarica il Report Asl 27novembre

*Il report di Asl Lecce, che ha cadenza settimanale sin dal mese di aprile, è a cura di Fabrizio Quarta, direttore dell'Unità operativa complessa di Epidemiologia e Statistica, con la collaborazione di Angela Metallo ed elaborazione dati di Carlo Indino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento