rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Il resoconto di Asl

Report: corre l'incidenza, raddoppia il dato dei ricoveri per Covid

Provincia di Lecce: i nuovi casi sono 1.676 ogni centomila abitanti. Registrati 38 accessi in ospedale per sintomi specifici dell'infezione a fronte dei 20 nella settimana precedente

LECCE – Con una incidenza raddoppiata nel giro di due settimane – fino a 1.676 nuovi casi di infezione ogni 100mila abitanti -, l’epidemia di Sars Cov 2 ha ripreso a correre intensamente in una provincia, quella di Lecce, che negli ultimi tempi è stata costantemente tra le quelle con la maggiore circolazione virale.

Per fortuna le conseguenze sono ora molto più gestibili: la campagna vaccinale, iniziata su larga scala, fa da scudo sul rischio di ospedalizzazione e l’evoluzione del coronavirus ha portato all’affermazione di varianti molto più contagiose delle prime ma con minori complicazioni cliniche dal momento che investono essenzialmente le vie aeree superiori. Tuttavia per sintomi Covid si finisce ancora in ospedale, soprattutto in presenza di particolari fragilità.

I test positivi registrati nell’ultima settimana, lo riferisce il periodico report di Asl Lecce*, sono stati 13.621 mentre poco meno di 8mila gli esiti negativi a conferma della scomparsa del virus. Il saldo, che comprende anche 12 decessi, spinge il numero dei casi attuali di infezione a 19.362, pari a 24,4 ogni mille abitanti come media provinciale. Valori assai superiori si registrano in alcuni comuni: 37,5 a Botrugno; 38 a Castrignano del Capo; 46 a Gagliano del Capo; 38,1 a Giuggianello; 54,2 a Nociglia; 45,4 a Palmariggi; 37,9 a Sanarica; 42 a Scorrano; 39,1 a Supersano; 38,6 a San Cassiano.

Gli accessi in ospedale per sintomi Covid, con successivo ricovero, sono stati 38, quasi il doppio di quelli registrati nei sette giorni precedenti, ma le 47 dimissioni (compresi i decessi) riducono il numero di pazienti che attualmente si trovano nei reparti Covid: ne risultavano 94 venerdì scorso, di cui 6 in Anestesia e Rianimazione, mentre oggi ce ne sono 85, di cui 7 in area critica. Lo status vaccinale dei ricoverati rivela che per ogni paziente con tre dosi fatte, poco più di 4 non hanno alcuna copertura.

Il dato complessivo delle somministrazioni vede un incremento di 3.608 dosi, tra cui 2.239 richiami e 280 prime dosi. La terza dose è stata fatta dal 68 percento della popolazione interessata (over 12): aumenta di un punto percentuale la copertura nelle fasce di età più giovani con il 51 per quella 12-19 anni; il 53 in quella 20-29; il 54 nella fascia 30-39 e il 61 in quella 40-49 anni.

Consulta il Report Asl 18 marzo 2022

*Il report Asl è a cura di Fabrizio Quarta, direttore dell'Unità Operativa Complessa di Epidemiologia e Statistica, con la collaborazione di Angela Metallo. Elaborazione dati: Carlo Indino. Del gruppo di lavoro fanno parte Valeria Gerardi, Ornella Guida, Donato Rollo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Report: corre l'incidenza, raddoppia il dato dei ricoveri per Covid

LeccePrima è in caricamento