menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rete fognaria e depuratore da attivare, pressing continuo sulla Regione

Il Comune di Porto Cesareo e il circolo di Legambiente proseguono nella loro “battaglia di civiltà” per garantire l’allaccio delle rete fognaria all’impianto di depurazione e per l’autorizzazione allo scarico. Appello anche da Torre Lapillo

PORTO CESAREO - Quella che è stata ribattezzata la “battaglia della civiltà” e della tutela igienica e ambientale prosegue senza sosta in quel di Porto Cesareo dopo le sollecitazioni mosse dal Comune nei confronti della Regione Puglia per lo sblocco del nodo legato al completamento e dell’allaccio della rete fognaria e all’attivazione del depuratore già adeguato al trattamento dei reflui. Un pressing che si fa sempre più pregnante e che dopo la presa di posizione del sindaco Silvia Tarantino e dell’assessore all’Urbanistica, Eugenio Sambati, vede schierati in prima linea il circolo cesarino di Legambiente, presieduto da Luigi Aquaro e anche l'associazione Lido degli Angeli, con il referente Andrea Greco.

“Occorre fare ogni sforzo possibile per consentire, quanto prima, che la rete fognaria di Porto Cesareo sia regolarmente allacciata al depuratore e che quest'ultimo entri in funzione con regolare autorizzazione allo scarico” in sintesi il concetto lapalissiano fatto pervenire in questi giorni  dall’amministrazione comunale di Porto Cesareo all’indirizzo del presidente Michele Emiliano. L’amministrazione guidata dal sindaco Silvia Tarantino ha chiesto infatti, con una nota ufficiale, “l’ultimazione della rete fognaria di Porto Cesareo e la convocazione di un tavolo tecnico-politico” per affrontare in maniera definitiva la questione.

D’altro canto gli interventi sul depuratore di località Poggio, completati oltre un anno e mezzo addietro, per un importo di 6 milioni e mezzo di euro, erano propedeutici all’attivazione di una nuova linea di trattamento delle acque, nel rispetto delle normative vigenti e in linea con le esigenze del territorio servito. Il progetto ha visto anche la realizzazione di opere di adeguamento della rete fognaria e la costruzione del collettore alla rete di Nardò e a servizio dell’abitato di Porto Cesareo.

Pressing del Comune per la rete fognaria

“Il Comune di Porto Cesareo, ormai da molti anni, sta cercando di ottenere la realizzazione di un sistema fognario” spiegano all’unisono il sindaco Tarantino e l’assessore Sambati, “le necessarie infrastrutture a rete, che garantiscono il corretto smaltimento dei reflui urbani, sono ormai imprescindibili per dare dignità civile ad un territorio che rischia di non poter più contenere gli effetti di un’eccessiva antropizzazione fissa, ed in stagione turistica, anche molto fluttuante”.  

Da qui alcune delle tappe del complicato iter procedurale a cui manca un solo tassello per essere ormai completato. “Negli anni, le amministrazioni susseguitesi hanno tentato con impegno di sostenere il gravoso compito di concertare le politiche territoriali con le diverse istanze e posizioni delle amministrazioni coinvolte nel processo autorizzatorio dello scarico a mare del depuratore” rammenta Eugenio Sambati, “ma purtroppo i risultati sono sotto gli occhi di tutti. La prima rete fognaria, con annesso depuratore, non ha mai ottenuto le autorizzazioni per la messa in funzione, senza contare che di quelle opere abbandonate al degrado è rimasto ben poco. Resta invece l'amara certezza dell'inutile dispendio di denaro pubblico, aggravato da una procedura d'infrazione europea nei confronti dell’Italia anche per l'assenza di un'adeguata rete fognaria nel Comune di Porto Cesareo”.

Poi il riepilogo dei passi in avanti degli ultimi anni e le richieste ormai non più rimandabili. “Fin dal 2007, di concerto con la Regione Puglia, Porto Cesareo ha avviato una collaborazione con il comune di Nardò, per rendere possibile l'allaccio della rete fognaria al depuratore neretino. Si sono quindi susseguiti verbali sottoscritti e protocolli d'intesa tra i due enti che però non hanno portato a nulla” evidenziano gli amministratori cesarini, “al punto che il nostro depuratore continua ad essere lettera morta. Resta invece l'amarezza della cittadinanza che vede, da sempre deluse, le legittime aspettative per la tutela della salute pubblica, della pulizia delle acque, dell’igiene ambientale, oltre che al rispetto delle specie viventi vegetali e animali”.

Da qui la richiesta finale e reiterata posta all’attenzione del governatore Michele Emiliano affinché si compia “ogni sforzo possibile per consentire, quanto prima, che la rete fognaria di Porto Cesareo sia regolarmente allacciata al depuratore e che quest'ultimo entri in funzione con regolare autorizzazione allo scarico. E’ evidente quindi che gli attori interessati al processo autorizzatorio non possono più sottrarsi a tale dovere che è diventato anche dovere civico e morale”.

L’excursus di Legambiente

Sul nodo rete fognarie e depuratore il circolo Legambiente Porto Cesareo, rammenta come già dal 2014, dopo tante campagne, petizioni e iniziative di sensibilizzazione sulla necessità di dotare la località cesarina di un sistema fognario, con il coinvolgimento diretto di migliaia di cittadini, fu proposto al Governo, per il tramite del decreto “Sblocca Italia”, di inserire nella lista nazionale delle opere pubbliche strategiche anche la realizzazione della rete fognaria di Porto Cesareo.

Successivamente ci fu la nomina del commissario governativo con poteri straordinari che gli permettevano, fra l’altro, di sostituirsi alle amministrazioni pubbliche inadempienti e dei rispettivi organi collegiali: giunta, consigli comunali e regionali. Finalmente l’iter amministrativo ripartì speditamente e dopo sei anni dal decreto “Sblocca Italia”, in particolare nel 2020, la rete fognaria di Porto Cesareo è giunta al capolinea. I lavori di realizzazione della rete fognaria, sono conclusi con il relativo e positivo collaudo dell’impianto.

“Dalle informazioni in nostro possesso” spiega il presidente del circolo locale di Legambiente, Luigi Massimiliano Aquaro, “ci risulta che per poter avviare l’impianto e quindi dotare finalmente Porto Cesareo di un servizio dignitoso per la comunità e rispettoso dell’ambiente, occorre un ultimo atto della regione Puglia che tarda ad arrivare. Legambiente, da sempre attenta allo spreco delle risorse naturali è fortemente convinta che è sicuramente utile recuperare le acque reflue depurate e destinarle perciò ad altri usi: irriguo, civile, industriale. E nel caso di Porto Cesareo, però, vi è un dettaglio per niente irrilevante”.

“Da quanto è dato sapere” spiega ancora Aquaro, “la maggior parte d’acqua erogata da acquedotto pugliese, per il tramite delle condotte idriche, si perde per strada, poiché solo un piccolo, quanto residuo quantitativo, dopo gli usi civili, ritorna negli impianti di depurazione come acqua reflua per il trattamento finale. Ciò vuol dire che la restante parte, ormai liquame tal quale, si perde nel sottosuolo e naturalmente in mare, e, considerato che l’abitato di Porto Cesareo è tutto sul livello del mare, si può immaginare cosa accade”.  

“Nelle more di un nuovo auspicabile impianto alternativo di recupero e riutilizzo delle acque reflue depurate, da impiegare in agricoltura” concludono da Legambiente, “chiediamo alla Regione, al fine di salvaguardare la salute pubblica compromessa dal costante rilascio di liquami nel suolo, sottosuolo e nel mare di Porto Cesareo, di avviare l'impianto di depurazione ormai realizzato e in attesa di nulla osta da parte dell’amministrazione regionale, consentendo nell’immediato alla rete fognaria di Porto Cesareo di collegarsi allo scarico di Nardò”.

Le richieste di Lido degli Angeli

Anche l’associazione “Lido degli Angeli” segue con interesse il dibattito politico-amministrativo relativo al completamento e alla messa in servizio della rete fognaria del centro urbano di Porto Cesareo. Auspicando una rapida risoluzione di quella che viene, da più parti, definita come una questione ambientale e di civiltà non più rinviabile.

“Il Comune di Porto Cesareo ha certamente il diritto di vedere completata un’opera che restituirebbe dignità a tutta la sua comunità e che assicurerebbe maggiori garanzie di salvaguardia del delicato ecosistema del suo territorio” spiega il presidente del sodalizio Andrea Greco, “siamo convinti, altresì, che, quando per sostenere le proprie posizioni si utilizzano concetti universali quali la civiltà, il rispetto degli individui ed il rispetto dell’ambiente, non si possano accettare eccezioni di sorta”.

“Ci chiediamo, pertanto, quali progetti abbia questa amministrazione per poter iniziare a dotare anche la porzione di territorio comunale che si estende da Torre Lapillo fino al suo confine nord, di servizi di urbanizzazione primaria, a cominciare dalla rete idrica e fognaria, per proseguire con strade residenziali, segnaletica stradale, spazi di sosta e pubblica illuminazione” incalza Greco, “la zona di Lido degli Angeli, così come le vicine Punta Prosciutto, Punta Grossa e Padula Fede, versano in uno stato immutato di pre-urbanizzazione da decenni. L’assenza di tali primari servizi in queste zone è, anch’essa, questione di civiltà, di tutela dell’ambiente e di buona amministrazione, non più rinviabile. La capacità dell’ecosistema di assorbire l’impatto ambientale derivante dall’assenza di un servizio idrico e fognario è duramente messa alla prova, così come la capacità di continuare a garantire accoglienza turistica adeguata”.

“La Regione Puglia apre nuovi percorsi cooperativi tra Comuni, ente gestore e Autorità idrica pugliese” conclude il presidente dell’associazione cesarina, “per assicurare la realizzazione di nuove reti idriche e fognarie all’esterno del perimetro dell’agglomerato urbano di competenza, per tutti quei Comuni dotati di impianti di depurazione adeguati alla normativa vigente. Si potrebbe partire da qui. L’associazione Lido degli Angeli resta a disposizione per ogni ulteriore approfondimento e costruttivo confronto sull’argomento”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento