"Ritardi nei pagamenti della Tundo spa": la denuncia di Filt Cgil

Il sindacato chiede chiarimenti all'azienda: “In banca mancano i bonifici di luglio e agosto e ci sono alcuni casi isolati in attesa dello stipendio di giugno”

LECCE – “Ritardi nel pagamento degli stipendi”: è la denuncia della Filt Cgil Lecce, firmata dal segretario Giuseppe Guagnano.

“Siamo costretti per l’ennesima volta ad intervenire pubblicamente per denunciare ritardi nel pagamento degli stipendi che mettono in grave difficoltà i lavoratori”, afferma il sindacalista Guagnano intervenuto per sottolineare le “difficoltà incontrate dai dipendenti della Tundo Vincenzo spa”.

“In banca mancano i bonifici relativi alle mensilità di luglio e agosto, ma c’è una platea di dipendenti che attende ancora la 14esima e non mancano alcuni casi isolati in attesa dello stipendio di giugno”, denuncia lui.

“Abbiamo interloquito direttamente con i vertici aziendali, che hanno chiesto di pazientare fino a martedì scorso. Oggi è giovedì e ancora nulla si è mosso – prosegue Guagnano -. Purtroppo registriamo difficoltà di dialogo e relazioni sindacali sempre più ostiche all’interno dell’azienda di Zollino. Di fronte ai nostri solleciti non riusciamo ad ottenere risposte, per esempio, in merito alla natura delle difficoltà finanziarie: è una crisi strutturale o è una situazione momentanea dovuta ai ritardi dei pagamenti delle stazioni appaltanti?”.

“La situazione è davvero paradossale, anche perché recentemente l’azienda sta continuando ad acquisire commesse in tutta Italia. Se ci sono difficoltà, la dirigenza convochi le parti sindacali per metterle al corrente. Siamo un sindacato aperto al dialogo; un dialogo che l’azienda evidentemente non ha intenzione di aprire”, conclude l'esponente Cgil.

L'azienda Tundo Vincenzo spa ha replicato alla nota di Filt Cgil Lecce, firmata dal segretario Giuseppe Guagnano, relativa ai ritardi nei pagamenti precisando che manca all'appello lo stipendio di luglio ma quello relativo ad agosto, come da accordi sindacali, verrà liquidato il 20 del mese successivo, quindi a settembre.

L'azienda di Zollino ha fatto sapere che sta provvedendo a pagare la mensilità arretrata e spiega che il ritardo è dovuto alla gestione dell'emergenza Covid-19 che avrebbe costretto Tundo Vincenzo spa "ad implementare, fino a raddoppiare il parco mezzi, e a richiamare buona parte della forza lavoro che era stata collocata in cassa integrazione. I costi necessari a fronteggiare la pandemia, comprese le spese per i dispositivi di sicurezza individuale, si sono sommati ai ritardi nei pagamenti da parte delle stazioni appaltanti".

Tundo spa rende anche noto che, "per rientrare nei termini di legge, si vede costretta ad avviare a breve la procedura di licenziamento collettivo dei lavoratori impiegati nell'appalto con la Asl di Lecce, relativo al servizio di trasporto dei pazienti disabili, ormai scaduto".

“L'unica ditta che partecipa alla gara ha infatti rinunciato alla clausola sociale e il signor Giuseppe Guagnano, invece di pensare alla mensilità mancante, meglio avrebbero fatto a battersi affinché nel nuovo bando di gara venisse inserita una clausola sociale stringente per salvaguardare i livelli occupazionali come succede in tutta Italia. L'azienda Tundo, purtroppo, dovrà ora mandare a casa buona parte della sua forza lavoro”, ha commentato l'amministratore unico della spa, l'ingegnere Enrico Tundo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • “Vai a casa mia e sposta tutto”. Ma vedono il messaggio e trovano la droga

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Colpo in testa e via con i soldi: portiere dell’hotel aggredito per rapina

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento