rotate-mobile
Attualità San Cesario di Lecce

Il Comune di San Cesario di Lecce aderisce alla campagna di sensibilizzazione per Io Posso

“Dona ora per fare il pieno” mira a raccogliere 100mila euro èer evitare di ridurre i servizi e i tempi di apertura delle tre strutture con servizi gratuiti per disabili presenti a San Foca, Gallipoli e Porto Cesareo

SAN CESARIO DI LECCE - Il Comune di San Cesario di Lecce aderisce alla campagna “Dona ora per fare il pieno” a sostegno di Io Posso, il progetto solidale nazionale nato dieci anni or sono da un’idea del salentino Gaetano Fuso, assistente capo della polizia, scomparso nel 2020, con l’obiettivo di generare empowerment sulla Sla sostenendo iniziative di inclusione sociale verso i pazienti e i loro familiari.

“Per noi deve essere un impegno quotidiano che deve appartenere a tutte le istituzioni, ad ogni livello, per creare condizioni che migliorino la qualità della vita di tutti, attraverso l’abbattimento di ogni forma di ostacolo”, commenta Elisa Rizzello, vicesindaca di San Cesario di Lecce.

“Ho sempre guardato a Io Posso come alla storia di chi desidera regalare una possibilità e realizzare un sogno, sfidando limiti e superando barriere; in questi anni di proficua collaborazione, il sogno di Gaetano Fuso è diventato anche il nostro e, grazie a quel sogno, alcuni nostri concittadini possono respirare la libertà che solo il blu del mare sa dare”.

La campagna di sensibilizzazione, ricorda Rizzello, mira a garantire la riapertura delle spiagge accessibili. E per questo è necessario raggiungere l’obiettivo di 100mila euro in un mese, al fine di evitare di ridurre i servizi e i tempi di apertura delle tre strutture con servizi gratuiti presenti a San Foca dal 2015, a Gallipoli dal 2022 e a Porto Cesareo dal 2023.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune di San Cesario di Lecce aderisce alla campagna di sensibilizzazione per Io Posso

LeccePrima è in caricamento