Santuario della Pazienza di Ezechiele Leandro, nuova vita con i restauri

Grazie a fondi ministeriali per 120mila euro si salveranno le opere a rischio a causa dei materiali che era solito usare l'arista

SAN CESARIO DI LECCE – Il Santuario della Pazienza e la galleria della Casa museo dell’artista salentino Ezechiele Leandro avranno nuova vita. Esempio di architettura babelica e visionaria, sul Santuario di San Cesario di Lecce, in via Cerundolo, purtroppo si sono fatti sentire nel tempo i segni dell'incuria e del degrado. Tanto che, negli anni, si è verificato un progressivo depauperamento delle opere.

I gruppi statuari scolpiti dall’arista originario di Lequile e poi trasferitosi a San Cesario, scomparso nel 1981, infatti, rischiavano continue perdite a causa della fragilità dei materiali utilizzati. E questo perché Leandro usava modellare su una struttura di ferro una malta cementizia, materiali di risulta, ceramiche, vetri e metalli.

I lavori di restauro e messa in sicurezza dei luoghi, sulla scorta di un progetto elaborato dalla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio di Brindisi, Lecce e Taranto, sono appena iniziati. A occuparsene, la ditta Studio Forme, selezionata in quanto specializzata nelle lavorazioni dei materiali del contemporaneo. Il 16 luglio scorso è stato aperto il cantiere. Importo complessivo, 120mila euro, con fondi del ministero per i Beni e le attività culturali. Durante i lavori di restauro il Santuario vi saranno alcune aperture al pubblico, a partire da settembre, nella modalità “cantiere aperto”. Si offrirà così la possibilità di guardare in modo diverso un’opera d’arte, che ha un ruolo identitario profondo nella cultura del territorio salentino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il luogo è stato dichiarato d’interesse culturale con decreto del 16 luglio del 2014. L’anno precedente, su input di Andrea Romano nella veste di sindaco e del parlamentare Salvatore Capone, l’allora ministro Massimo Bray (leccese) in seno al governo presieduto da Enrico Letta, diede il primo impulso all’iter, facendo in modo che si arrivasse in tempi relativamente brevi al vincolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento