Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità Surbo

Scalo di Surbo, il rilancio sul binario giusto. Pronto il bando per la vendita

La viceministra Bellanova ha comunicato che il 12 agosto sarà pubblicato il bando di gara per la vendita della scalo ferroviario destinato al programma di riattivazione e rilancio del trasporto delle merci su ferro. Delli Noci: “Sosteniamo realizzazione di hub strategico”

SURBO -  Il programma di riattivazione e valorizzarne dello scalo merci ferroviario di Lecce-Surbo entra nella sua fase cruciale. E le prospettive di rilancio tornano a incanalarsi sul binario giusto, è proprio il caso di dirlo. L’ultima novità in ordine di tempo è quella comunicata dal viceministro alle Infrastrutture e mobilità sostenibili, Teresa Bellanova.

La notizia è quella relativa alla pubblicazione, a partire da giovedì 12 agosto, da parte del gruppo della Ferrovie dello Stato (Fs Italiane), e d’intesa con lo stesso ministero e la Regione Puglia, del bando di gara per la vendita dello scalo ferroviario.

Situato lungo la linea ferroviaria Adriatica, Bologna-Lecce, lo scalo, di proprietà del Gruppo delle Ferrovie Italiane (con una superficie di circa 85mila metri quadri, di cui 2.437 coperti), si presta infatti come hub terminale di scambio merci ferro-gomma-nave-aereo, tramite la connessione diretta alla tangenziale ovest di Lecce ed alla linea ferroviaria, nonché ai collegamenti con l’aeroporto del Salento e i principali porti regionali.   

La riattivazione dello scalo merci di Lecce Surbo si inserisce nel percorso condiviso tra Fs Sistemi Urbani, ministero e Regione Puglia, per realizzare un moderno hub logistico che favorisca il potenziamento del trasporto delle merci su ferro, in linea con gli obiettivi strategici di rilancio del tessuto produttivo e logistico del Sud Italia.

In questi mesi la viceministra e l’assessore regionale Alessandro Delli Noci, sono stati impegnati in un costante e proficuo confronto con il Gruppo Fs Italiane e, in particolare, con la società FS Sistemi Urbani, che porta avanti sul territorio nazionale numerose iniziative per il recupero e la rigenerazione urbana degli snodi ferroviari e delle aree ferroviarie dismesse, favorendo lo sviluppo delle città e il rilancio dei territori.

La pubblicazione del bando di gara avviene a seguito dei numerosi incontri e dei sopralluoghi promossi dai referenti delle ferrovie, del ministero delle Infrastrutture e dell’ente regionale.  

Bellanova: “Fondamentale per tessuto produttivo"       

“Già all’indomani della nomina a viceministra avevo assunto l’impegno a cogliere pienamente questa esigenza territoriale, avvalorata dalle sinergie e convergenze in atto tra la Regione Puglia e quelle realtà economiche e produttive territoriali disponibili a partecipare al rilancio delle strutture” commenta Teresa Bellanova, “è evidente infatti il ruolo determinante per il Salento di uno scalo merci al servizio di quei sistemi produttivi di eccellenza penalizzati proprio dalla carenza di adeguati e innovativi sistemi di trasporto delle merci su ferro, e più in generale della logistica pugliese e meridionale”.

“Per valutare a pieno la rilevanza di questo passo in avanti” incalza la viceministra, “va considerato come il rilancio dello scalo si inserisca in una strategia più complessiva destinata a modificare radicalmente criticità e strozzature nella mobilità delle persone e delle merci nei territori meridionali: dalla realizzazione ormai a buon punto di quanto già contemplato nel contratto di programma con il Gruppo Ferrovie dello Stato ai massicci investimenti previsti nel Piano nazionale di ripresa e resilienza per il Mezzogiorno e la Puglia, non ultime la cosiddetta cura del ferro a partire dalla Napoli-Bari, l’attenzione per le zes, l’azione sulla portualità. E’ in questo quadro che il rilancio dello scalo assume particolare rilevanza come snodo di un rilancio del territorio nel segno della riqualificazione e della sostenibilità sociale, ambientale, economica”.

Delli Noci “Realizziamo hub strategico”

“La Regione Puglia è pronta a sostenere questo progetto per la realizzazione di un importante hub strategico” dice l’assessore allo Sviluppo economico e competitività della Regione, Alessandro Delli Noci, “negli ultimi mesi abbiamo lavorato molto sulla riattivazione e valorizzazione dello scalo ferroviario di Surbo, stimolando sia gli operatori del settore della logistica sia le aziende affinché ripensassero l’organizzazione per la spedizione delle proprie merci.

“Rendere di nuovo operativo quello scalo, dopo anni di fermo” conclude Delli Noci, “ci consente di rilanciare la logistica e la movimentazione delle merci a vantaggio delle imprese e degli operatori economici e di valorizzare le Zone economiche speciali anche nella zona industriale di Lecce, con le enormi occasioni di sviluppo e attrazione di investimenti che ciò comporta per l’intero Salento. Sono certo che al bando parteciperanno aziende capaci di riqualificare lo scalo e consentirne la completa rifunzionalizzazione, ripensando anche all’organizzazione logistica dell’ultimo miglio così da poter coinvolgere ogni area del Salento, e non solo, per l’utilizzo dello scalo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scalo di Surbo, il rilancio sul binario giusto. Pronto il bando per la vendita

LeccePrima è in caricamento