rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Sorge nell'omonima marina

Seconda vita per il patrimonio storico e architettonico: concorso di progettazione per la torre Rinalda

Nell'ambito di “Reuse Italy”, iniziativa promossa da “Save the Heritage”, i professionisti possono candidare le proprie proposte fino al 14 giugno. Premio di 2.500 euro per la prima classificata

TORRE RINALDA (LECCE) – Immaginare forme di riuso del patrimonio storico e architettonico italiano per preservarlo dall’abbandono e dall’oblio. È questo l’obiettivo principale del progetto “Reuse Italy”, promosso da “Save the Heritage” che è una benefit corporation (società che all’obiettivo economico affiancano quello di avere un impatto positivo sulla società e sull’ambiente).

In questo contesto si inserisce il concorso “Reuse the tower” che colloca la torre Rinalda, nell’omonima marina leccese, al centro della sfida lanciata ai progettisti.  La torre fu costruita nel Cinquecento e pienamente inserita nel sistema di avvistamento che presidiava la penisola salentina. Nei primi anni del Duemila è stata oggetto di un intervento urgente di stabilizzazione e ora l'amministrazione ha accettato che venisse inserita tra i siti selezionati. Le proposte progettuali possono essere candidate dai professionisti interessati fino al 14 giugno: alla prima classificata sarà attribuito un premio di 2.500 euro, di mille alla seconda e di 500 alla terza.

Qui la pagina con tutte le informazioni

“Questa bella esperienza di collaborazione consentirà ai progettisti, in particolare ai giovani, di interrogarsi sul recupero di una testimonianza della storia di Lecce e del Salento e offrire alla città proposte progettuali frutto di uno sguardo moderno su questo patrimonio - ha dichiarato l'assessora alla Cultura del Comune di Lecce, Fabiana Cicirillo -. La nostra è una cultura profondamente influenzata dal mare, il sistema delle torri costiere ne è testimonianza. La sfida è rendere beni come la torre Rinalda occasioni di incontro, divulgazione, racconto di questa storia”.

“In linea con il Piano comunale delle Coste, vogliamo dare valore ai beni culturali presenti sul nostro litorale – ha spiegato l’assessora alla Pianificazione Urbanistica e Marine, Rita Miglietta –. Il sistema delle torri costiere racconta il nostro rapporto con il mare e i popoli del Mediterraneo, racconta il tempo nel quale il Salento era la frontiera di un intero mondo, costantemente minacciata e per questo presidiata con il supporto di architetture oggi in gran parte da recuperare. Insieme a Reuse Italy, progetto di Save the Heritage, che ringrazio, invitiamo i progettisti a misurarsi con la sfida appassionante di immaginare una nuova vita per la torre Rinalda, per dare alla torre, nel rispetto del suo valore storico, culturale e architettonico, una funzione nel presente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Seconda vita per il patrimonio storico e architettonico: concorso di progettazione per la torre Rinalda

LeccePrima è in caricamento