Attualità

Sulla storica sede del Banco di Napoli gli occhi del nuovo socio del Lecce

L’immobile, costruito negli anni Venti, è chiuso dal 2009 e si trova in via XXV luglio: Renè De Picciotto è molto attivo nel settore degli investimenti immobiliari

La vecchia sede del Banco di Napoli.

LECCE – Le sue porte si sono chiuse il 19 ottobre del 2009, quando il Banco di Napoli ha trasferito la sua a poche decine di metri, in piazza Sant’Oronzo. Da allora lo storico immobile di via XXV luglio è in attesa di una nuova destinazione che possa restituirle vitalità e dinamismo.

A tale proposito ci sono delle novità, finalmente: il nuovo socio dell’Us Lecce, René De Picciotto, ha manifestato concretamente il suo interesse all’acquisto. Attivo per decenni nel settore finanziario, il 73enne di passaporto svizzero ma di origine italiane, è da un po’ di tempo impegnato nel settore alberghiero e ha già fatto investimenti importanti, nel Brindisino e non solo. Il suo arrivo nel sodalizio giallorosso era stato anticipato da LeccePrima la mattina del 26 gennaio e poi annunciato ufficialmente dal club salentino nel pomeriggio.

Costruito negli anni ’20, l’edificio è in una posizione strategica: affacciato sul Teatro Politeama, a due passi dal castello e da via Salvatore Trinchese che collega Piazza Mazzini e Piazza Sant’Oronzo. Di recente l’amministrazione comunale ha pedonalizzato via dei Mocenigo, che circonda l’immobile sue due lati. Per questa sua collocazione è facile immaginare che l’edificio, che al momento ha una destinazione direzionale possa essere trasformato in residenziale e commerciale con appartamenti e negozi, ovviamente tramite un passaggio in consiglio comunale così come avvenuto, in un recente passato per il Palazzo delle Poste.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sulla storica sede del Banco di Napoli gli occhi del nuovo socio del Lecce

LeccePrima è in caricamento