Due simboli di Lecce

Nel segno di Gian Giacomo dell'Acaya: visite alla Mura Urbiche e al Castello

Dal 2 giugno al 30 settembre tre turni di accesso al complesso difensivo che risale al XVI secolo e che ospiterà anche una mostra su Banksy. Ogni sabato, nel mese di giugno, tour guidati nel cantiere del restauro della fortificazione più grande di Puglia

LECCE – In coincidenza con la festa della Repubblica riaprono le Mura Urbiche, cioè il tratto superstite della cinta difensiva di epoca cinquecentesca che per volontà dell’imperatore Carlo V prese il posto di quella preesistente, meno fortificata.

L’apertura sarà garantita tutti i giorni e fino al 30 settembre dalla società Mediafarm in collaborazione con Artwork e The Monuments People. Tre i turni di accesso, dalle 16.45 alle 19.15 con altrettante visite condotte da guide specializzate (alle 17, alle 18 e alle 19).

L’ingresso è da via Leonardo Leo: da una passerella si raggiungono i camminamenti dei bastioni e poi si prosegue nei sotterranei dove, grazie ad allestimenti multimediali, si può apprendere la storia del complesso difensivo, dotato di fossato, che si affaccia sul parco dove gli archeologi dell’Università del Salento, durante gli scavi, hanno trovato i resti di una strada di epoca romana.

Il biglietto d’ingresso è di 5 euro, (ridotto a 3 euro per ragazzi dai 12 anni ai 17 anni), e si può acquistare presso la biglietteria delle Mura.  Ai gruppi accompagnati da guide turistiche riconosciute dalla Regione Puglia, inoltre, sarà riservato il prezzo ridotto per tutti i partecipanti, indipendentemente dall’età, e sarà garantito l’ingresso gratuito alla guida.

Per martedì 20, alle 18.30, sempre presso le Mura Urbiche è fissata l’inaugurazione della mostra “Realismo Capitalista, Banksy: l'Arte in assenza di Utopie”, a cura di Stefano Antonelli e Gianluca Marziani, che resterà allestita, fino al 30 settembre.

“Quest'estate le Mura Urbiche – ha dichiara l'assessora alla Cultura, Fabiana Cicirillo – saranno aperte tutti i giorni, di pomeriggio, con la possibilità di scoprirle attraverso tre turni di visite guidate e la novità della mostra di Banksy, che sarà di ulteriore richiamo per residenti e turisti. Quattro mesi pieni di apertura ci serviranno anche come test in vista del partenariato pubblico-privato speciale che attiveremo per la gestione continuativa del bene”.

Visite al cantiere del restauro del Castello

La realizzazione del complesso difensivo della Mura Urbiche fu affidata a Gian Giacomo dell’Acaya, l’architetto militare che si occupò anche della ricostruzione del Castello di Lecce.

Proprio presso il maniero, che è la fortificazione più grande in Puglia, è previsto un ciclo di visite al cantiere dei lavori di completamento del restauro al termine dei quali sarà garantita la fruizione completa. L’iniziativa è stata voluta dal Segretariato Regionale del MiC per la Puglia, diretto dall’architetto Maria Piccarreta, grazie all’offerta migliorativa dell’impresa appaltatrice, ‘Marullo srl’.

L’apertura del cantiere è prevista ogni sabato del mese di giugno (3-10-17 e 24) e rientra nel più ampio progetto del segretariato, denominato “Extraordinaria” e ideato per far vivere ai cittadini e ai turisti le fasi che accompagnano il restauro del patrimonio storico e artistico di Puglia.

Le visite si possono prenotare sul sito www.restaurocarlov.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel segno di Gian Giacomo dell'Acaya: visite alla Mura Urbiche e al Castello
LeccePrima è in caricamento