Vigili a Nardò, sindacati in guerra per i servizi notturni. E scrivono al prefetto

"Personale a tempo determinato: turni diversi da quelli stabiliti e nessuna arma in dotazione per la difesa durante il servizio"

Foto di repertorio.

NARDO’ – Servizio notturno di polizia locale a Nardò svolto da personale a tempo determinato, senza possibilità di autodifesa (il corpo non è disposto di armi) e, comunque, al di fuori delle reali competenze, anche e soprattutto in termini di orario. Queste e altre presunte violazioni sono state segnalate al prefetto di Lecce, Maria Teresa Cucinotta, da tre segretari provinciali di sindacati: Paolo Taurino (Fp Cgil), Eugenio Piscopello (Uil Fpl) e Luigi Albetta (Cisl Fp).

In una nota formale, i sindacati chiedono alla massima autorità di governo in provincia di Lecce un “intervento che riconduca la situazione esistente presso il comando di polizia locale di Nardò nella piena legittimità e normativa prevista, al fine di evitare possibili rischi all’incolumità personale degli agenti che svolgono il servizio in orario notturno”.

Le lamentele nascono da lontano, perché le organizzazioni sindacali, già a metà giugno, avevano contestato al sindaco Pippi Melone le modalità di assunzione al 33 per cento part time verticale del personale a tempo determinato. Sembra che non sia mai arrivata una replica e, di certo, l’iter è andato comunque avanti, vista la determinazione 549 del 1° luglio scorso dell’Area funzionale seconda (Gestione del personale) con cui, di fatto, si è proceduto nell’assunzione.

Avanti è andata anche l’attività sindacale, viste le rimostranze sul metodo, e, spiegano ancora i tre segretari, si è così venuto a sapere dell’istituzione di “turni di lavoro diversi da quelli stabiliti in determina, utilizzando il personale a tempo determinato in giorni diversi da quelli determinati previsti nelle giornate del sabato e della domenica”. Non solo. I segretari provinciali proseguono, aggiungendo che i “lavoratori a tempo determinato non hanno il riconoscimento della qualifica di ausiliario di pubblica sicurezza” e che “svolgono il servizio comandato esclusivamente in orario notturno a far data dal 1° luglio 2019, con fasce orarie 18.00-00,00, 18.30-00.30, 20.30-00.30. Situazione – precisano - che si può evincere dalle formali  timbrature  e  dagli  ordini  di servizio”.

C’è di più, perché tale servizio avverrebbe, sempre stando a quanto segnalano al prefetto i sindacati, “senza la presenza alcuna di personale in servizio a tempo indeterminato del comando di polizia locale di Nardò”. Specificando anche che “i lavoratori a tempo determinato, vengono impiegati, in alcuni giorni della settimana, con una sola unità in servizio notturno”. E va considerato che “il personale del corpo di polizia locale del Comune di Nardò non è dotato di armi e non è in possesso di altri strumenti atti all’autodifesa”. Insomma, per Taurino, Piscopello e Albetta, si profila la violazione delle norme contenute nel decreto legislativo 81/2008.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Decreti e note ministeriali, più articoli del contratto collettivo nazionale di lavoro, tutti ampiamente citati, sul punto,  sembrano piuttosto chiari sul fatto che i servizi notturni debbano essere svolti da chi abbia in dotazione un’arma, visto che per esigenze di prevenzione è da considerarsi a rischio l’incolumità di chi si trova di pattuglia. In definitiva, le sigle Fp Cgil, Uil Fpl e Cisl Fp contestano al comandante di aver avviato il servizio notturno senza informarle, ritengono che il pattugliamento notturno sia giuridicamente illegittimo (almeno, nelle forme in cui avverrebbero in questo momento a Nardò) e che gli agenti siano posti in una condizione di rischio personale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

Torna su
LeccePrima è in caricamento