Caso positivo a Trepuzzi, smentita dal Comune: “Il cittadino è domiciliato altrove”

L’amministrazione comunale stoppa ogni allarmismo, soprattutto diffusosi via social: “Una persona che ha cambiato il domicilio da due mesi”

Foto di repertorio.

TREPUZZI – Nel bollettino quotidiano sui nuovi contagi da Covid-19, diramato anche nel pomeriggio di ieri dal Dipartimento di prevenzione della Asl, spunta anche un caso a Trepuzzi. Ma arriva la smentita direttamente dall’amministrazione comunale della cittadina del nord Salento. Si tratta in realtà di una persona residente a Trepuzzi, ma domiciliata di fatto altrove. Il cittadino ha infatti comunicato da oltre due mesi il proprio trasferimento in un altro comune.

Del cambio di domicilio era stato anche avvisato l’ufficio di polizia locale e Azienda sanitaria. L’uomo è tuttora sottoposto in quarantena sì, ma non a Trepuzzi. Sull’errore e successivo allarme che si è diffuso in paese, è intervenuto il sindaco, Giuseppe Taurino. La riportiamo, integralmente, qui di seguito.

“Mi sono personalmente preoccupato di sentirlo telefonicamente e sincerarmi sulle sue condizioni di salute, tenuto conto che si trova in quarantena domiciliare e non è ricoverato e che ho registrato la sua volontà, non appena sarà guarito, di voler tornare in prima linea a fare il suo dovere. Mi preme sottolineare la determinazione che ho riscontrato, nel voler mettere a disposizione la sua persona e la sua professionalità, a servizio del prossimo. Non è importante che per la statistica il caso non sia attribuibile alla città di Trepuzzi o di non aver ancora avuto Trepuzzi casi di persone positive, mi preme mettere in evidenza che si tratta di un nostro concittadino, il quale non ha esitato a mettere a repentaglio la propria vita pur di fare fino in fondo il suo dovere. Alla persona esprimo la mia solidarietà e quella dell’intera città. Il panico che ho avuto modo di leggere sui social non mi è piaciuto e non è in alcun modo un atteggiamento costruttivo. Occorre mantenere la massima serenità in questa tormentata vicenda. Ognuno di noi deve fare bene la propria parte. Non ci possiamo commuovere nel momento in cui vediamo immagini drammatiche provenire da altre zone e farci prendere dal panico quando invece siamo interessati come comunità. Non escludo che in futuro ci possano essere casi di persone affette da Covid-19 residenti o domiciliati nel nostro territorio comunale, mi auguro solo che questo ci serva da insegnamento ad affrontare con serenità ogni situazione di emergenza. Dobbiamo essere una grande comunità anche in questo. Solo insieme ce la faremo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento