Ss 275, Provincia chiede proroga per il parere. Quinto: "I nodi restano"

Il voto vincolante degli enti locali coinvolti, sostiene il legale, può venire solo dagli organi consiliari e non da sindaci o presidente

L'avvocato Pietro Quinto.

LECCE – L’esperienza del passato potrebbe non essere servita a nulla. È quello che teme l’avvocato Pietro Quinto in relazione all’ampliamento della Ss 275 (Maglie-Leuca), opera legata a un enorme contenzioso terminato con l’intervento di Consiglio di Stato e Autorità Nazionale Anti Corruzione a determinare l’illegittimità della gara e l’annullamento dell’intero procedimento.

Il legale, infatti, aveva di recente espresso tutte le sue perplessità sulle modalità di espressione del voto vincolante della Provincia e dei Comuni interessati sulla bozza di parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Il riferimento è alla lettera con la quale il presidente della Provincia, Stefano Minerva, aveva il 15 maggio comunicato il proprio assenso anche “anche a seguito di consultazione per le vie brevi dei comuni interessati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi da Palazzo dei Celestini è partita una seconda missiva con la quale si conferma, in sostanza, il contenuto della prima ma si chiede una proroga di dieci giorni per specificare meglio il voto che è di competenza tanto della Provincia quanto dei Comuni. Per Quinto, però, i problemi restano gli stessi: la bozza di parere si riferisce a un progetto che non può essere considerato quello definitivo, secondo quanto chiarito dallo stesso Consiglio Superiore. Di non minore importanza la carenza, nella versione attuale,  dei pareri del ministero delle Infrastrutture e da quello dell’Ambiente. Il secondo nodo irrisolto risiede nella necessità, sostiene Quinto, che siano in ogni caso gli organi consiliari di Provincia e dei Comuni gli unici legittimati a esprimere un parere vincolante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

  • Dall’epidemiologo “supposte di realismo”: al Sud a rischio il 99 per cento dei cittadini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento