rotate-mobile
Attualità Ugento

Reintegrato dopo revoca dell’interdittiva, ma ancora senza lavoro: stato di agitazione

Cobas Lecce chiede un incontro urgente col prefetto, col Comune di Ugento e con la società Ecotecnica srl: quest’ultima, subentrata alla Gial Plast nel servizio di igiene urbana, dovrebbe riassumere il dipendente

LECCE – Davanti alla mancata reintegra di un lavoratore, scatta lo stato di agitazione. È stato proclamato a partire da lunedì scorso dal sindacato Cobas Lecce, che ha affiancato alcuni dipendenti del servizio di igiene urbana  di Ecotecnica srl nel Comune di Ugento. Il lavoratore cantierizzato era stato in un primo momento allontanato dalla Gial Plast, la precedente società che gestiva il servizio dei rifiuti nel comune messapico (destinataria di una interdittiva antimafia due anni addietro, poi revocata la scorsa estate). Assieme a lui, anche altre decine di lavoratori, perchè con precedenti e pene scontate alle spalle. Quasi tutti hanno poi ripreso la normale vita professionale e si sono dati.

Quel dipendente, invece, non ha ancora fatto ritorno sul luogo di lavoro della Ecotecnica srl, subentrata alla Gial Plast, pur avendo conseguito tre reintegre da giudici diversi, come si evince dalle sentenze di primo e secondo grado (a favore del lavoratore) e del verbale della prefettura leccese dell’ottobre del 2019. Situazione che aveva portato anche la deputata brindisina Valentina Palmisano a presentare una interrogazione parlamentare.

“Si chiede pertanto di comprendere se lo stato di diritto valga solo per Gial Plast, che ha visto annullato l’atto di interdittiva e i lavoratori dopo anni stanno ancora lottando per tornare sul proprio posto di lavoro anche vincendo con sentenze di reintegra di tre giudici diversi del Tribunale di Lecce”, scrive Giuseppe Mancarella, segretario provinciale dell’organizzazione sindacale, i cui referenti hanno ora interpellato la prefetta di Lecce Maria Rosa Trio, il Comune di Ugento e i vertici della società Ecotecnica con sede a Lequile, chiedendo un incontro urgente per trovare una soluzione immediata.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reintegrato dopo revoca dell’interdittiva, ma ancora senza lavoro: stato di agitazione

LeccePrima è in caricamento