rotate-mobile
Attualità

"Gli oss delle scuole salentine perderanno il posto": prime azioni sindacali

Cobas chiede intervento della Regione Puglia. Precari per anni, gli e le oss ora saranno lasciati a casa per via delle recenti novità normative: le mansioni degli oss passano al personale Ata

LECCE – Prima la precarietà per anni, ora addirittura l’esclusione dai bandi.  Stato di agitazione per tutti gli operatori socio sanitari impegnati nell’integrazione scolastica della provincia. La protesta da parte di tutti i dipendenti delle cooperative sociali e in servizio presso gli Ambiti territoriali del Salento, che svolgono servizio presso gli istituti del territorio di ogni ordine e grado. Accompagnati dai sindacalisti di Cobas Pubblico Impiego, hanno denunciato le condizioni precarie del proprio lavoro anche alla luce delle recenti novità normative, che cancellano gli operatori socio sanitari a partire dal nuovo anno scolastico.

Giovedì scorso, intanto, i referenti dell’organizzazione hanno appreso – durante un incontro in un Ambito territoriale della Provincia di Lecce -  che dal prossimo bando gli oss saranno esclusi, quindi non avranno diritto alla clausola sociale di salvaguardia con la cooperativa subentrante.

Sono inoltre venuti a sapere che termineranno il proprio servizio a giugno. “Un licenziamento di massa voluto da leggi nazionali ed avallate dalle Regioni imponendo la cancellazione dai nuovi bandi di gara della figura professionale importantissima dell’operatore socio sanitario dell’integrazione scolastica”, scrive il segretario provinciale Cobas Giuseppe Pietro Mancarella in una lettera indirizzata a Regione Puglia, Provincia, Prefettura, cooperative, tutti gli Ambiti salentini e, infine, anche alla Commissione di garanzia per l’attuazione della legge sciopero nei servizi pubblici essenziali.

“Per contro verra? rafforzata la figura dell’educatore dell’Integrazione scolastica demandando le mansioni degli oss al personale Ata delle scuole che non e? formato e non e? competente per trattare bimbi con disabilita? grave e gravissima. La competenza a formare il personale Ata che prendera? il posto degli Oss sara? della scuola”, proseguono dal sindacato.

“La possibilita? di poter accedere all’internalizzazione cioe? la gestione pubblica esclusiva dell’integrazione scolastica, con il riconoscimento contrattuale adeguato, potrebbe donare quella condizione di serenita? ed equilibrio, fondamentale per poter svolgere una professione d’aiuto cosi? complicata e delicata, che porta ogni giorno a stare a stretto contatto con soggetti fragili aventi patologie gravi e gravissime”, conclude il sindacalista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Gli oss delle scuole salentine perderanno il posto": prime azioni sindacali

LeccePrima è in caricamento