Una panchina rossa si aggira per le piazze: la lotta alla violenza si fa itinerante

Inaugurata lo scorso 29 maggio a Sannicola, dall’associazione “Metoxè”, ora diviene itinerante e simbolo di una battaglia

La panchina rossa itinerante (dalla pagina dell'associazione)

SANNICOLA – Crescono riconoscimenti per l’iniziativa della “panchina rossa”. E aumenta anche il numero delle panchine installate nel Salento. Inaugurata dall’associazione culturale Metoxè lo scorso 29 maggio in Piazza della Repubblica, a Sannicola, lo speciale scanno è divenuto il simbolo della lotta per i diritti delle donne. È stato piazzato anche a Collepasso, Sternatia e Nardò e, nel corso dei prossimi mesi, l’itinerario toccherà certamente altri comuni.

In questi giorni, infatti, la panchina è in viaggio attraverso i banchi: quelli degli istituti scolastici neretini. Molte altre scuole, intanto, ne hanno già fatto richiesta per sensibilizzare i propri alunni sul tema, purtroppo attuale, della violenza sulle donne. La “panchina rossa” è un progetto nazionale che nasce dagli Stati generali delle donne, un progetto preso a cuore dalla Presidente Simona Mosco e dall’intera associazione. “L’idea di rendere la nostra panchina itinerante, si è rivelata lungimirante. Sempre più comuni, enti, scuole e associazioni ci inviano richieste per ospitare il nostro “pezzo di cuore”. Il risultato è che col nostro passaggio vengono installate Panchine Rosse nei punti nevralgici, di aggregazione dei paesi che ci fanno richiesta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La panca di colore rosso porta il nome di Noemi Durini, la ragazza di Specchia accoltellata e sepolta viva, simbolo di tutte quelle donne che purtroppo non ci sono più a causa della mano violenta di un uomo. E di Imma Rizzo, la sua mamma, simbolo di forza e coraggio. Dal giorno dell’inaugurazione anche artisti come Vladimir Luxuria, Bianca Atzei, Mario Venuti hanno inviato video messaggi di supporto all’iniziativa. Tra i riconoscimenti più importanti anche quello della Fondazione “Doppia difesa onlus”, le cui fondatrici sono l’avvocata. Giulia Bongiorno e Michelle Hunziker che hanno fatto ricevere il loro messaggio all’associazione sannicolese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento