rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Attualità Gagliano del Capo

Sul treno storico per l’ultima tappa della lunga “marcia” della via Francigena

Il convoglio storico di Fs ha accompagnato, da Otranto a Gagliano, il tratto conclusivo della staffetta che si è conclusa a Leuca. Per il ministro Garavaglia: “Quello dei cammini e dei treni storici è un patrimonio enorme che bisogna mettere a frutto”

OTRANTO - Il convoglio storico, restaurato e rimesso a regime, della Fondazione Fs Italiane, ha accompagnato, da Otranto a Gagliano del Capo, l’ultima tappa della “Marcia Europea della Via Francigena-Road to Rome 2021”. Un cammino lungo 3.268 chilometri iniziato il 15 giugno a Canterbury, in Inghilterra e che terminata oggi nel tacco d’Italia, con l’arrivo a Santa Maria di Leuca.

Questa mattina, dalla stazione ferroviaria di Otranto il treno storico è partito alla volta di Gagliano del Capo. Il viaggio è durato all’incirca un’ora e mezzo. Come da programma annunciato a bordo c’era anche il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia insieme all’assessore alla Cultura e al turismo della Regione Puglia, Massimo Bray, al presidente dell’associazione europea delle Vie Francigene, Massimo Tedeschi, al presidente vicario della Fondazione Fs Liberio Andreatta, e ai rappresentanti istituzionali di Inghilterra, Francia, Svizzera e Italia e delle regioni che compongono la Via Francigena.

IMG_20211018_103513-2

Oltre al direttore generale della Fondazione FS Italiane, Luigi Cantamessa che in stazione ha accolto i camminatori e le rappresentanze istituzionali. Dopo il ricongiungimento del gruppo dei camminatori del “Road to Rome” con gli ospiti in arrivo presso la stazione ferroviaria di Gagliano, quest’ultimi  dopo una marcia di circa sette chilometri hanno raggiunto Santa Maria di Leuca per le celebrazioni finali (l’evento ha attraversato 113 tappe, 5 Paesi, 16 Regioni e più di 500 Comuni, coinvolgendo centinaia di comunità locali e migliaia di persone).

Guarda il video

“Quello dei cammini e dei treni storici è un patrimonio enorme che dobbiamo mettere a frutto, svilupparlo senza consumarlo” ha detto il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia durante il suo viaggio lungo la dorsale salentina, “i cammini sono uno strumento importantissimo, ma dobbiamo creare un sistema in modo che non siano solo eventi spot, così come per i treni storici. Questa miscela straordinaria di arte, storia, cultura e paesaggio che abbiamo” ha concluso il ministro, “è la nostra migliore materia prima sulla quale bisogna investire”.

IMG_20211018_112709-2

Nell’anno europeo del treno il Gruppo delle Ferrovie dello Stato ha sostenuto l’iniziativa organizzata dall’Associazione Europea delle Vie Francigene, in occasione del suo ventennale, affiancando il treno lungo tutto il tragitto italiano della via Francigena. Un’opportunità per i camminatori di percorrere alcuni tratti dello storico itinerario sui convogli regionali, grazie all’accordo siglato con Trenitalia. Sostenibilità, ripartenza economica, turismo slow, dialogo interculturale, Europa e valorizzazione del patrimonio culturale sono stati i temi centrali del cammino congiunto.

IMG_20211018_122356-2

“La Fondazione  di Ferrovie Italiane nasce nel 2013 con un eredità meravigliosa, tutto il patrimonio dei treni antichi che hanno fatto la storia del  nostro Paese” commenta direttore generale della Fondazione Fs Italiane, Luigi Cantamessa, “molti gli abbiano già restaurati e restituiti all’esercizio come quello su cui abbiamo viaggiato oggi, ma su tanti altri bisogna ancora investire. E se questo viene fatto su un piano nazionale d’intesa con le regioni si può immaginare tutti i giorni, o tutti i week end, questi meravigliosi convogli che possono ricamare le nostre ferrovie secondarie, quelle delle tratte più suggestive che toccano i borghi. E da queste carrozze il turista italiano o straniero può fare la cosa più autentica e più antica che esista, abbassare il finestrino del treno e vedere il paesaggio da una posizione privilegiata, quella appunto di una carrozza d’epoca”. 

IMG_20211018_113051-2        

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sul treno storico per l’ultima tappa della lunga “marcia” della via Francigena

LeccePrima è in caricamento