menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio: il sindaco Tanisi e la consigliera D'Argento

Foto di repertorio: il sindaco Tanisi e la consigliera D'Argento

Taviano mette in salvo 30 cani: la spesa per accudirli è di oltre 24 mila euro

Il Comune e la polizia locale sono impegnati nella lotta al randagismo; la Asl di Gallipoli si occupa di microchippare e vaccinare gli animali. Il sindaco Tanisi: "Un grazie alla consigliera D'Argento e alla deputata Aprile"

TAVIANO – Il Comune di Taviano è impegnato in prima fila nella lotta al randagismo e su due fronti: mettere in salvo i cani abbandonati e scoraggiare tali comportamenti da parte dei proprietari.

Sinora la polizia municipale ha recuperato una trentina di quattro zampe, tutti accolti presso il canile Dog' House di Melissano. L'ente sta provvedendo a curarli, impegnando risorse per un totale di 24 mila e 590 euro l'anno. Gli agenti si occupano di visitare periodicamente il canile, mentre la Ausl di Gallipoli provvede costantemente alla microchippatura e alle vaccinazioni degli animali, oltre ad eventuali interventi medico chirurgici.

Il servizio veterinario della Asl di Gallipoli inoltre collabora col Comune anche per gli interventi di sterilizzazione delle colonie feline presenti sul territorio o nelle marine.

Nel 2020, inoltre, l'amministrazione comunale ha sottoscritto una convenzione medico veterinaria con i professionisti presenti sul territorio, per far sì che gli animali bisognosi di particolari cure ricevano un'assistenza immediata.

L'amministrazione cittadina, per impegno della consigliera delegata all'Ambiente, Barbara D'Argento, ha sempre promosso campagne di microchippatura che si sono fermate nell'ultimo anno a causa della pandemia.

Sul fronte della lotta al randagismo sono attive anche numerose associazioni di volontariato che svolgono attività di supporto agli animali randagi che vengono segnalati o che soggiornano in canile.

La polizia locale è poi impegnata in quei fenomeni di repressione dei reati a danno degli animali, anche attraverso l'uso di dispositivi tecnologici che consentono di individuare condotte penalmente rilevanti.
 
"Prendersi cura dell' ambiente significa anche prendersi curadei nostri amici a quattro zampe e preservare l'incolumità delle specie animali – ha dichiarato la consigliera D' Argento -. Non basta togliere gli animali dalle strade, per garantire anche la sicurezza dei cittadini, ma occorre poi provvedere alle necessità degli stessi attraverso il supporto di un servizio sanitario e l' assistenza di figure professionali qualificate”.

“Il mio sentito ringraziamento va alla deputata Nadia Aprile per la sensibilità che dimostra verso queste tematiche e per il suo contributo – ha proseguito la consigliera -. A breve verrà inaugurato Parco San Vito, nei pressi di piazza Giovanni Paolo II, come area per passeggiata cani, come segno della nostra attenzione a questo tema e di progresso, in termini ambientali, della nostra comunità”.
 
“Nel ringraziare l'onorevole Nadia Aprile, quale amica oltre che esponente della massima istituzione dello Stato, che ci gratifica del suo supporto anche in termini economici – ha aggiunto il primo cittadino, Giuseppe Tanisi - mi preme evidenziare i numerosi traguardi, raggiunti grazie all' impegno della consigliera Barbara D'Argento, in termini di tutela del nostro ambiente come condizione ineludibile di civile convivenza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Stanchezza in primavera, ecco perché

  • Sicurezza

    Come utilizzare l’aceto per le pulizie di casa

  • Cucina

    Melanzane marinate all’aceto, fresche e veloci

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento