rotate-mobile
Attualità

Con i test aumentano i positivi al Sars-Cov2. Vaccini: superata quota 6 milioni

L'incremento era atteso dopo l'introduzione di obbligo di Green Pass per i luoghi di lavoro. L'assessore Lopalco rivendica i risultati finora raggiunti ed esorta a non abbassare la guardia: "Mascherine, distanziamento e igiene"

LECCE - In Puglia, negli ultimi sette giorni, il numero di rest risultati positivi al Sars Cov2 è cresciuto del 18 percento rispetto alla settimana precedente. Non è un dato inatteso: come accennato due giorni addietro l'obbligo di green pass per l'accesso ai luoghi di lavoro ha portato un incremento di test antigenici e, di conseguenza all'emersione di nuovi positivi. In provincia di Lecce l'aumento, sullo stesso periodo, è stato del 49 percento. 

Secondo l'odierno bollettino regionale, che riferisce anche di un decesso per complicanze da Covid, 167 sono stati i casi di infezione confermati sul territorio pugliese, di cui 20 associati a residenti della provincia di Lecce. L'incidenza è, rispettivamente, di 20 e 25 nuovi casi ogni 100mila abitanti, sempre in sette giorni. Dal punto di vista ospedaliero 151 sono i pazienti ricoverati di cui 19 in terapia intensiva. 

Vaccinazione: i dati aggiornati

L'assessore alla Sanità, Pier Luigi Lopalco, ha comunicato che in mattinata il dato delle dosi di vaccino contro il Covid somministrate ha superato quota 6 milioni: "Lo sforzo del servizio sanitario pugliese è stato eccezionale. A tutti gli operatori sanitari e agli operatori della Protezione civile che hanno permesso questo risultato va il mio più caloroso ringraziamento. Operatori che non solo hanno raggiunto un dato numerico ragguardevole, ma che hanno operato secondo i più alti standard di appropriatezza: oggi la nostra regione è al vertice per copertura vaccinale, soprattutto fra anziani e soggetti fragili. Questo ha consentito fino ad oggi di superare l'ondata legata alla variante indiana".

L'esponente del governo regionale invita però a non abbassare la guardia: "Chiediamo ora a quei cittadini pugliesi ancora titubanti di fare un ulteriore sforzo di fiducia: la vaccinazione è l'unico mezzo che abbiamo per lasciarci la pandemia alle spalle e riprendere appieno la nostra libertà. Ma non occorre dimenticare ancora una volta le fondamentali regole di uso mascherine, distanziamento e igiene".

Questi i dati della copertura finora raggiunta in Puglia: l’84.67% della popolazione è completamente vaccinata, contro una media nazionale dell’81.23%. Per quanto riguarda le fasce d'età, in quella tra i 70 e i 79 anni si è superato il 95 percento della platea vaccinabile (media italiana 90.75), mentre considerando gli over 80 il datto è del 96,14 (media 93,37). Nella fascia in età scolare, quella tra i 12 e 19 anni, la copertura è del 72,13 percento, sei punti in mezzo in più della media italiana. 

La somministrazione delle terze dosi finora ha interessato operatori sanitari, pazienti fragili e over 80 e adesso è rivolta anche ai cittadini con più di 60 anni che hanno fatto la seconda dose entro la fine di marzo. In provincia di Lecce, invece, ieri sono state fatte 1802 vaccinazioni di cui 68 nel Dea Fazzi, 96 dai medici di medicina generale. Sono state 122 terze dosi agli ospiti di strutture sanitarie e sociosanitarie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con i test aumentano i positivi al Sars-Cov2. Vaccini: superata quota 6 milioni

LeccePrima è in caricamento