menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Test sierologici ai dipendenti scolastici: 43 positivi poi negativizzati col tampone

Sono circa 4mila e 500 i dipendenti scolastici sottoposti in maniera volontaria ai prelievi. I 43 positivi privi di carica virale

LECCE - Circa 4mila e 500 i dipendenti scolastici, tra personale docente e non docente, sono stati finora sottoposti a test sierologico rapido per la ricerca di anticorpi anti-Covid.  Sono 43 i positivi individuati da test sierologici, ovvero meno dell’uno per cento dei test eseguiti, successivamente tutti rivelatisi negativi al tampone naso faringeo, pertanto con assenza di carica virale e dunque di rischio di contagiosità.

Il dato include i test eseguiti tra i 14 centri della Asl del territorio provinciale, i test eseguiti dai medici di base e quelli eseguiti direttamente dal Servizi di sicurezza del lavoro nelle scuole paritarie che hanno anticipato l'apertura.  Il lavoro di screening svolto dai centri operativi Asl è stato anche supportato dai sanitari che hanno volontariamente aderito all'iniziativa e ai quali sono stati distribuiti, dalla stessa Asl, i kit e i dispositivi di protezione individuale necessari per la somministrazione del test.

“Un lavoro di prevenzione importante, quello eseguito finora, che vuole garantire una sicurezza certamente superiore rispetto a quanto si verifica purtroppo in altri contesti pubblici e privati - dichiara il direttore del Dipartimento di prevenzione Giovanni De Filippis - il Dipartimento continuerà comunque ad offrire l'esecuzione del test anche dopo l'avvio dell'anno scolastico. Gli interessanti possono scrivere a covidscuola@ausl.le.it inviando richiesta con tutti i propri dati. Appena saranno disponibili i test rapidi in grado di individuare, oltre alla presenza di anticorpi anche quella del virus senza l'ausilio di attrezzature, il Dipartimento di Prevenzione li utilizzerà per casi sospetti che emergeranno sia tra il personale scolastico sia tra gli alunni e gli studenti, per ridurre al minimo l'isolamento fiduciario e dunque l'allontanamento dall'attività didattica”.

Nel file allegato (Documento3-2) un dato parziale divulgato dalla Asl di Lecce. Parziale perché alcuni tra i medici non hanno ancora riportato il report, pertanto il dato sarà aggiornato nei prossimi giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento