Forme di “disobbedienza civile”: un cinema lancia l’hashtag #iorestoaperto

L’iniziativa del titolare del multisala di Taviano: ha deciso di aprire regolarmente i battenti alle 17, nonostante il Dpcm. “Oggi contattato dalla questura: se chiusura forzata, impugnerò i provvedimenti davanti al Tar”

L'hastag "Iorestoaperto" all'interno del cinema.

TAVIANO – L’hashtag “#iorestoaperto” circola già da diverse ore, quelle successive al nuovo Decreto della presidenza del consiglio dei ministri che dispone, tra le altre, la chiusura delle sale cinematografiche e teatrali come forma di contenimento della diffusione del virus Covid-19. Lo ha coniato Antonio Mosticchio, titolare del Multiplex Teatro Fasano di Taviano, storico cinema del basso Salento.

 Davanti alle disposizioni del 24 ottobre e valide per un mese - salvo nuove, più urgenti misure – la direzione del cinema ha optato per una forma di “disobbedienza civile”. Il cinema resta dunque aperto, con una motivazione che i titolari hanno pubblicato direttamente sulla propria pagina Facebook:  “Non esistono evidenze scientifiche di focolai dovuti a cinema e teatri, che da sempre sono stati i luoghi più sicuri in quanto garantiscono il mantenimento della distanza di sicurezza, l'uso delle mascherine, il continuo ricambio di aria e la sanificazione dei posti a sedere”.

La sala, come dichiarato dalla direzione, resterà fruibile “fino a quando non vi sarà una chiusura fisica forzata. Resteremo aperti, perché in questo momento storico il cinema è più che mai anche una forma di evasione e di arte che garantisce intrattenimento e un apporto terapeutico in un periodo di forte stress psicologico. Invitiamo anche tutti gli altri esercenti a seguirci in questa forma di protesta e disobbedienza civile. E invitiamo tutti i nostri amici e spettatori a diffondere e condividere l'hashtag #iorestoaperto”, scrivono dalla direzione.

Nella mattinata di oggi, intanto, Mosticchio è stato contattao dagli uffici della questura del capoluogo salentino, i cui funzionari gli hanno chiesto se si trattasse o meno di una semplice provocazione. "La mia non è una sommossa, ma un disappunto e una forma di protesta pacifica a quanto stabilito dal decreto. Nei mesi del lockdown, da marzo in poi, ci ho rimesso circa 60mila euro. Ogni mese, peraltro, ho sostenuto spese fisse di 4mila e 700 euro solo per affitto e mutuo. Dallo Stato ho ricevuto 3mila e 560 euro a fondo perduto. Per cui, alle 17,15 di oggi, aprirò regolarmente. Non lo so chi si presenterà, ma dovessero chiudere il cinema forzatamente, impugnerò il provvedimento davanti al Tar".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento