Due scheletri abbracciati nella tomba: commovente scoperta degli archeologi

Lo studio della tomba in mattinata a Roca Vecchia, la marina di Melendugno, da parte dei ricercatori di Unisalento

L'abbraccio tra genitore e figlio.

ROCA (Melendugno) – Frammenti di memoria che la terra risputa fino a farci commuovere. Lo scheletro di un adulto e quello di un ragazzino, abbracciati -  forse genitore e figlio-, sono stati scoperti e analizzati, in giornata, dagli archeologi e dai ricercatori del Laboratorio di Antropologia fisica dell’Università del Salento.

Il sensazionale e tenero ritrovamento a Roca Vecchia, la marina di Melendugno, dove è stata riaperta una tomba di epoca messapica- già scoperta nel 2008 - risalente al quarto secolo avanti Cristo. La sepoltura bisoma, quindi relativa alla tumulazione di due individui all’interno della stesso spazio, costituisce una rarità nella necropoli salentina in fas70832827_1165252456994633_1341075182801911808_n-2e di studio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In quella porzione di litorale adriatico, usata dai messapi per le sepolture, gli archeologi dell’ateneo leccese hanno infatti rinvenuto fino ad ora deposizione singole o, al massimo, collettive ma con tombe singole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

  • Auto reimmatricolate in Italia con documenti falsi: un salentino nei guai

  • Paura sulla tangenziale: ragazza perde il controllo e finisce sul guardrail

Torna su
LeccePrima è in caricamento