Giovedì, 24 Giugno 2021
Attualità

E al triplice fischio scoppia la festa anche a oltre mille e 100 chilometri di distanza

Ieri pomeriggio centinaia di tifosi del Lecce residenti in Piemonte hanno invaso il centro di Torino. Cori, sciarpe, bandiere e fumogeni

TORINO – E al triplice fischio di Lecce-Spezia anche a oltre mille e 200 chilometri di distanza, esplode la festa. Le vie di Torino hanno accolto centinaia di tifosi del Lecce, ieri pomeriggio, che hanno invaso i portici di via Po e piazza Castello, per festeggiare l’attesa, sudata promozione in serie A. Un ritorno che fa sognare un’intera popolazione sparsa su e giù per l’Italia, e non solo.

Torino, come altre grandi e piccole città del Nord, accoglie corpose comunità di salentini, lontani dalla propria terra per motivi di studio o lavoro, ma con il cuore sempre colorato di giallo e rosso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anzi, è proprio il calcio uno dei principali collanti fra i salentini che risiedono altrove, spesso motivo d'incontro nei locali che trasmettono le gare, o nelle case di chi ha l'abbonamento con Dazn. Ieri, poi, tutto è stato reso  più semplice dalla trasmissione in diretta della gara su Rai2.

Ed eccoli qui, i tifosi leccesi residenti fra capoluogo piemontese e dintorni, immortalati dalla videocamera di TorinoToday, mentre sfilano con sciarpe, bandiere e persino qualche fumogeno. Tutto questo, rileva la testata della famiglia di Citynews, proprio quando la Vecchia Signora ha rinunciato a festeggiare in centro con il giro d’onore per lo scudetto sul bus scoperto. Quello che ieri, invece, a Lecce, ha fatto il club giallorosso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E al triplice fischio scoppia la festa anche a oltre mille e 100 chilometri di distanza

LeccePrima è in caricamento